Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: giovedì 23 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 62

DATA 23/05/2012 19.12.59 - AUTORE piazzacalogera L603B

Ciao a tutti, sono un’insegnante di scuola Primaria, insegno matematica scienze…. Sono sempre stata particolarmente attratta dalla tecnologia e soprattutto ho sempre creduto che la stessa, se utilizzata adeguatamente, possa avere un impatto decisivo sulla scuola. In un mondo dove ormai tutte le risorse ci arrivano da internet, dove tutto è tecnologico, dove i bambini stessi sono abituati ad interagire con i computer e con la multimedialità, la scuola tradizionale risulta avulsa e obsoleta. Utilizzare la lim è una grossa opportunità per una formazione completa, per un’azione didattica attiva e interattiva, per costruire un sapere dinamico e strutturato; tanti e utili sono infatti, i mezzi messi a disposizione dell’insegnante per presentare gli argomenti attraverso le immagini e per far svolgere diverse tipologie di esercizi. Crederci è importante e soprattutto è importante che la scuola sia pronta a tutto questo perché non dobbiamo dimenticare che molte strutture mancano degli adeguamenti necessari alle innovazioni: sono prive di collegamenti internet, di aule attrezzate ecc..

DATA 23/05/2012 19.13.31 - AUTORE rosaliaiov

Penso che l'insegnamento attraverso la LIM sia molto stimolante sia per gli alunni che per i docenti.Le lezioni interattive sono più coinvolgenti , creative e permettono di comprendere più rapidamente.Sono convinta, comunque,che l'uso del digitale debba essere moderato,usare il libro di testo è sempre bene!La riflessione che induce la lettura di un libro rimane, infatti, fondamentale per lo sviluppo del pensiero

DATA 23/05/2012 19.17.15 - AUTORE giovanna59

Mi chiamo giovanna,insegno italiano, storia e geografia in una quarta classe di scuola primaria. sono molto contenta di essermi iscritta a questo corso sulla lim perchè sono convinta dell'importanza dell'utilizzo degli strumenti tecnologici all'interno del processo di insegnamento.

DATA 23/05/2012 19.31.22 - AUTORE giovanna59

Sono un'insegnante di scuola primaria, quest'anno ho intrapreso questa nuova avventura che mi sta dando nuove emozioni.Ritengo che la LIM possa offrire interessanti possibilità per quanto riguarda la qualità della didattica, visto che i bambini utilizzano il computer con notevole disinvoltura.Spero di poterla utilizzare e rendere più interessanti le lezioni.

DATA 23/05/2012 20.14.58 - AUTORE ANTONELLA

Sono un'insegnante di scuola primaria che frequenta il corso LIM.Penso che sia un'ottima opportunità di crescita sia per me che per i miei alunni.

DATA 23/05/2012 20.33.58 - AUTORE ANTONELLA

Insegno in una classe prima della scuola primaria.Nella mia scuola,già da tempo abbiamo iniziato dei corsi di aggiornamento sull'utilizzo della LIM.Penso che sia importante l'utilizzo di questo strumento perchè facilita l'apprendimento in modo piacevole e divertente.Oltretutto quest'anno sono arrivate le LIM per ogni classe,quindi potremo utilizzarle con il libro di testo.Certo all'inizio sarà impegnativo,ma via via diventeremo piu' esperti.

DATA 24/05/2012 8.40.29 - AUTORE gabriella

Nella mia scuola è stata sistemata una lavagna interattiva multimediale in ogni classe; credo che questo sia l'unica maniera perchè possa entrare realmente a far parte del lavoro didattico e innovare finalmente il modo di fare scuola. La Lim dà la possibilità di lavorare e di coinvolgere i bambini che chiamati ad intervenire sono ancora più motivati a partecipare ed a dimostrare competenza. Un lezione interattiva dà, poi, luogo ad una forma di apprendimento basata sul confronto e la cooperazione e crea un clima in cui l'interazione è finalizzata ad un obiettivo comune. Inoltre, poter salvare un lavoro svolto rappresenta un aiuto concreto per continuare, consolidare e verificare un argomento con grande risparmio di tempo.

DATA 24/05/2012 9.33.56 - AUTORE teresaE563A

Salve, sono favorevole alla presenza della Lavagna Interattiva Multimediale nelle scuole di ogni ordine e grado perché molteplici, sono a mio avviso, i vantaggi di questo strumento tecnologico nella didattica oggi. La LIM è, in modo nuovo, un ambiente di apprendimento e di formazione in cui docenti e alunni possono interagire favorendo l’integrazione di fattori tecnologici e socio-affettivi. La LIM permette di organizzare le tradizionali attività didattiche in una innovativa Cooperative Learning. Ritengo, pertanto, che deve essere visto come strumento necessario per coinvolgere soprattutto gli alunni meno motivati nella progettazione delle attività. teresad

DATA 24/05/2012 13.54.11 - AUTORE CALOGERA

Sono convinta che oggi più che mai, nella scuola si sente la necessità di usare le nuove tecnologie al fine di coinvolgere maggiormente l'attenzione degli alunni. In particolare quegli alunni "più bisognosi" che si mostrano demotivati e necessitano di strategie educative più coinvolgenti al fine di stimolare maggiormente la curiosità di apprendere nuovi saperi.

DATA 24/05/2012 14.09.05 - AUTORE CALOGERA

La LIM permette di realizzare lezioni interdisciplinari organiche e ben articolate, pertanto favorisce le attività collaborative e laboratoriali, coinvolgendo l’attenzione e l’interesse degli alunni. In particolare è di stimolo e di incentivo per coloro che presentano difficoltà di apprendimento, ai quali è possibile somministrare lezioni diverse da quelle strettamente frontali.

DATA 24/05/2012 16.24.30 - AUTORE RosaA662X

Alcune considerazioni sulla Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) Una scuola che vuole essere all’avanguardia per tecnologie, metodologie e nuovi strumenti funzionali ad una didattica più interattiva e coinvolgente, deve mostrarsi aperta a recepire ogni forma di innovazione tecnologica, che consenta di cambiare radicalmente ed in positivo il modo di fare scuola, di insegnare e di apprendere. Come al solito, l’introduzione di novità, soprattutto in campo tecnologico, per chi non è un “ nativo digitale”, può suscitare forti sensazioni, quasi uno stordimento, inizialmente positivo, circa la sensazionalità e le potenzialità consentite dall’utilizzo del nuovo strumento. Successivamente, subentrano forti perplessità circa l’utilizzo dello stesso, la resistenza a staccarsi da certezze e conferme ormai consolidate da anni di esperienza, la fatica di rimettersi in gioco, in un gioco in cui non appaiono delineati a tinte forti, i vantaggi sia metodologici che didattici. I latini insegnano che “ In medium stat virtus”, nel senso che tutto va usato con parsimonia. Gli aspetti positivi dell’utilizzo della lavagna interattiva quali:  incentivazione della partecipazione attiva degli studenti,  loro coinvolgimento come protagonisti della lezione,  miglioramento delle dinamiche relazionali,  promozione di forme di lavoro come il “ cooperative e-learning”,  utilizzo simultaneo di differenti canali di comunicazione, che consente collegamenti multidisciplinari immediati e potenziamento dell’interazione discente- docente,  adattamento e riorganizzazione dei materiali di studio,  eliminazione della monotònia espositiva dell’interlocutore,  impatto immediato con l’argomento presentato, devono ovviare a quelli che possono essere considerati dei potenziali limiti, come la eccessiva spettacolarizzazione della lezione, che porterebbe, se non siamo bravi registi, a decontestualizzare i significati e gli obiettivi dell’argomento proposto. Gli studenti devono acquisire la consapevolezza che è un modo diverso di fare lezione, non è la proiezione di un film con effetti speciali, non è un videogioco; eccessivi e differenti stimoli forniti agli alunni potrebbero comportare disorientamento e scarsa capacità a riorganizzare tutta la lezione. Probabilmente, per alcune discipline, esaminare un argomento sotto vari aspetti potrebbe risultare più vantaggioso che in altre; l’incapacità di gestire questa novità in modo funzionale, accurato ed intelligentemente operativo, potrebbe condurre a vecchie modalità di insegnamento fortemente nozionistico, concezione riduttiva dell’utilizzo dello strumento, solo per alcune discipline o per alunni disabili. È vero che molti colleghi lamenteranno l’iniziale carico di lavoro nell’organizzazione della lezione, ma è pur vero che finalmente tutto quello che verrà presentato o detto nella lezione è documentato. Forse è giunto il momento di riscattarci da quei retorici pregiudizi, che ci considerano “fannulloni e vacanzieri”.

DATA 24/05/2012 16.39.40 - AUTORE BenedettaC351R

Siamo alle ultime lezione del corso e tirando le somme, devo dire che è stato molto interessante. Un vivo ringraziamento al Docente formatore che ha svolto il suo ruolo con professionalità e pazienza. Ora toccherà a me sfruttare al meglio quanto appreso. Credo che con un po' di esercizio riuscirò a realizzare delle lezioni utilizzando la LIM. Credo che sarà bello anche il lavoro preparatorio dell'U.D.: ricerca del materiale, previsione dei collegamenti inerdisciplinari, selezione delle immagini adatte, suoni......sono già entusiasta!! Altro che libro di testo!!! Buon lavoro....e buon divertimento!

DATA 24/05/2012 18.05.15 - AUTORE Lucrezia Tateo

La LIM, a volte giudicata troppo frettolosamente come “messianica” per l’introduzione delle tecnologie in classe, rischi di non assolvere ad alcuna funzione innovativa, in assenza di proposte d’uso forti, di diffusione di know-how e di buone pratiche. Se la LIM fornisca o meno valore aggiunto al processo educativo è un dibattito ancora molto aperto, anche a livello internazionale. Koenraad (2008), in una recente ricerca, afferma che un utilizzo efficace della lavagna interattiva possa rappresentare un valido supporto alla didattica: aiuta indiscutibilmente ad attirare l’attenzione dello studente (cinema effect), incrementa la concentrazione e la motivazione, facilita il ricorso dinamico alle risorse digitali e, soprattutto, offre maggiori possibilità di interazione e cooperazione. D’altro canto, alcuni studi recenti mostrano che senza un buon livello di progettualità delle risorse, la LIM non conduce a significativi miglioramenti nell’apprendimento. A mio avviso, un ovvio rischio - soprattutto per noi insegnanti - è utilizzare la lavagna interattiva come se fosse un semplice videoproiettore: in questo modo la LIM non fa altro che rafforzare il modello d’apprendimento incentrato sull’insegnante (che consolida il proprio ruolo di “deus ex machina”). Se, al contrario, lo sforzo di pianificare adeguatamente le attività e creare contenuti adatti si concretizza, la LIM offre senza dubbio interessanti opportunità in termini di: • diversificazione delle risorse • motivazione e coinvolgimento attivo dello studente • incremento della partecipazione e dell’interazione dello studente con le risorse e con il resto della classe. L’insegnante, dal canto suo, potrà massimizzare l’impatto della LIM solo se sarà disponibile a: • impiegare del tempo nella formazione e auto-formazione • esplorare (magari con l’aiuto della classe!) tutte le funzionalità e le possibilità offerte dalla lavagna • collaborare e condividere risorse con i colleghi. A mio parere i tre poli fondamentali attorno ai quali si concretizza la collaboratività della LIM sono: • interattività. La possibilità fisica di agire direttamente su tutti gli oggetti presenti sulla superficie della lavagna dà maggiore profondità all’interattività “classica” che caratterizza il rapporto uomo-computer. Lo schermo interattivo trasforma il personal computer nel “computer di classe” e la superficie della lavagna diventa l’interfaccia su cui studenti e allievi dialogano con maggiore immediatezza. • interazione. La LIM amplifica l’interazione non solo tra studenti, ma anche tra studenti e docenti. La lavagna diventa luogo privilegiato di costante negoziazione, condivisione di risultati e revisione in tempo reale degli stessi. Tutte le operazioni svolte risultano trasparenti e passano attraverso il consenso condiviso di tutti gli attori in gioco. Da un lato l’insegnante è chiamato a svolgere il proprio ruolo di primus inter pares, partecipando in prima persona alla costruzione della conoscenza, dall’altro egli può avvantaggiarsi di un punto di osservazione inedito ed ideale per comprendere in profondità le dinamiche di interazione della classe. • integrazione. La dimensione fisica della LIM, la possibilità di integrare diversi linguaggi, le diverse modalità di visualizzazione, la possibilità di utilizzare il software di riconoscimento caratteri (OCR) per la scrittura a mano, la rappresentazione fisica dei concetti (si pensi ad esempio alle traslazioni, rotazioni, ecc delle figure geometriche) agevolano l’integrazione di studenti con livelli cognitivi o stili di apprendimento differenti, nonché di allievi diversamente abili o studenti stranieri. Lavorare in modo collaborativo con la lavagna interattiva non è, tuttavia, sempre sinonimo di successo: oltre al già citato pericolo di utilizzare la LIM semplicemente come una superficie su cui proiettare contenuti, esistono, secondo me, una serie di rischi cui è necessario prestare attenzione: • mancanza di collaborazione sincrona. Allo stato attuale nessuna LIM supporta la possibilità di agire contemporaneamente sulla sua superficie in più punti. Ciò significa che in ultima analisi è sempre uno l’utente deputato ad interagire con lo strumento. Se l’insegnante non pianifica con attenzione i turni di accesso allo strumento e i ruoli di ciascuno studente, c’è il rischio che la parte più consistente della classe resti passiva. • impiego consistente di tempo. Per conseguire risultati significativi con la LIM è necessario prevedere un dispendio di tempo consistente sia per le attività preliminari e di apprendimento dello strumento e per le fasi di progettazione delle attività, sia per la realizzazione di contenuti ad hoc o per l’adattamento di materiale esistente e, infine, per la gestione concreta delle attività. • gestione difficoltosa della classe. Mentre si utilizza la LIM in classe è facile incorrere nella perdita di controllo della stessa: gli alunni si muovono, interagiscono tra loro e con lo strumento, discutono, si confrontano anche animatamente, si disturbano vicendevolmente. Se da un lato queste dinamiche fanno parte dell’apprendimento attivo e collaborativo, dall’altro possono degenerare in confusione improduttiva. • mancato raggiungimento degli obiettivi formativi. La fisicità della LIM assieme alla necessità di esporsi in prima persona assumendo un ruolo di responsabilità può causare negli studenti più insicuri o più “deboli” un abbassamento del livello di autostima e la conseguente assunzione di un atteggiamento passivo.

DATA 24/05/2012 18.05.17 - AUTORE vitoantonioh096r

Sono un insegnante in un istituto professionale e spero con l'ausilio della lim di migliorare il mio modo di insegnare

DATA 24/05/2012 18.12.16 - AUTORE ANNALISAF376P

La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) è una superficie di grandi dimensioni, in tutto simile alla lavagna di ardesia, che consente di visualizzare contenuti e applicazioni (testi, immagini, animazioni, video, software) in formato digitale e in modo interattivo. La LIM può semplicemente essere definita una periferica del computer: una superficie che, grazie a un proiettore, riesce a visualizzare i contenuti presenti sul desktop e attraverso la tecnologia interattiva riesce a trasferire sul computer le operazioni svolte sulla lavagna. Ma è molto più di questo: tutto ciò che viene visualizzato sulla lavagna digitale “funziona” esattamente come sullo schermo di un computer ad essa collegato, dato che si possono aprire programmi differenti, selezionare, aprire e trascinare file, salvare, cancellare e modificare documenti, anche in modalità “touch-screen”. Ciò può avvenire con studenti collegati ad Internet oppure no. In ogni caso, i VANTAGGI della LIM sono molteplici: la multimedialità, trasforma il computer, in un “computer della classe” su cui molti soggetti possono operare contemporaneamente e condividere contenuti e operazioni in un processo di costruzione delle conoscenze. La facilità e praticità di manipolazione che la rendono uno strumento molto appropriato per la costruzione di un ambiente di apprendimento adeguato alla società dell'informazione e della conoscenza. Con essa si ha un ripensamento della “ lezione frontale”con alto livello di personalizzazione che produce un importante effetto sulla motivazione allo studio e all’apprendimento con la possibilità di differenziare l’apprendimento in modo che ogni studente trovi la “sua strada” per apprendere e sulla propensione a lavorare in squadra. L'interattività: lo stumento offre la possibilità di creare l’aula dilatata, cioè di allargare i confini spaziali e temporali dell’aula. Prima di tutto, infatti, la lavagna digitale permette di operare e lavorare contemporaneamente in luoghi differenti (la dilatazione nello spazio). A differenza del singolo Pc che apriva sì all’utente il mondo della Rete, ma in modo individuale e quindi non facilmente indirizzabile da parte del docente, la LIM apre lo spazio per un utilizzo collettivo contemporaneo tra utenti guidati, collocati in differenti luoghi. A ciò si può aggiungere che la sua presenza in un’aula apre anche la possibilità dell’interazione contemporanea tra diversi utenti e questo è particolarmente significativo ai fini della sua efficacia e efficienza educativa perché agevola forme di apprendimento legate al confronto tra simili, cioè ad una modalità molto vicina alle caratteristiche comunicative dei giovani e dei social network. L’ora di lezione si dilata e può essere “rivissuta” in un secondo momento secondo le esigenze individuali di apprendimento. La lezione può essere ampliata, rivisitata, sezionata nei suoi aspetti disciplinari e metodologici attraverso l'integrazione di varie modalità: iconografica, filmica, sonora e verbale. Anche a fronte di alcuni problemi legati all’apprendimento, le potenzialità della dilatazione temporale dell’aula sono particolarmente significative. Gli studenti con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) come dislessia e discalculia o i diversamente abili possono trarre particolari vantaggi dall’utilizzo di queste tecnologie all’interno del normale lavoro di classe. Gli studenti con DSA tendono, infatti, ad utilizzare il PC a scuola per sopperire ad alcune loro difficoltà nella lettura del testo o nello svolgimento dei calcoli. L’utilizzo della LIM potrebbe, infatti, agevolare il lavoro permettendo loro di accedere alle lezioni dell’insegnante secondo i propri tempi e nello stesso tempo partecipare all’intera costruzione del sapere fatta in classe, insieme con i compagni riducendo la loro percezione di esclusione. L’utilizzo della LIM permette loro di accedere a materiale già in formato digitale che può essere facilmente trasformato, attraverso programmi specifici, in materiale fruibile. Emerge la necessità, però, di valutare accanto ai vantaggi alcuni SVANTAGGI cui è necessario dare risposta. Il costo complessivo è infatti di entità considerevole, anche se ne dovrebbe essere valutata l’introduzione con la necessaria gradualità. la luce del proiettore è abbagliante e vi può essere ombra riflessa. eccessiva semplificazione di contenuti. l

DATA 24/05/2012 18.51.06 - AUTORE Tina_B180R

Continuo a partecipare al corso sulla LIM con la speranza di acquisire maggiori competenze nei riguardi degli strumenti informatici. Sono convinta che con diverse esercitazioni riuscirò a fare mie le nozioni che ,a primo impatto,mi sembrano difficili. Per il momento mi sento ancora poco sicura. Speriamo bene

DATA 24/05/2012 18.57.03 - AUTORE Mina-B180Z

Sono una docente di lingua inglese e frequento questo corso per l'uso della lavagna interattiva sperando di poterla utilizzare nella didattica.

DATA 24/05/2012 19.04.01 - AUTORE ROSA_I862J

In quanto docente di scuola primaria ritengo utile la LIM quale ulteriore strumento da utilizzare per l'arriccimento dell'offerta di proposte didattiche.Dovrebbe servire per motivsre l'attenzione degli alunni più irrequieti e per favorire l'apprendimento in quelli che mostrano maggiori difficoltà nella letto/scrittura, specie nei casi di dislessia e disgrafia. Infatti si può privilegiare l'uso di immagini, mappe e diagrammi in particolare se animati e interattivi.

DATA 24/05/2012 19.15.29 - AUTORE Mina-B180Z

Sono piu' ricca di conoscenza multimediale e spero di utilizzarla nel mio lavoro interagendo con i discenti che saranno sicuramente piu' motivati all'apprendimento.

DATA 24/05/2012 19.16.29 - AUTORE paola5180i

Ssono un'insegnante specialista di lingua inglese della scuola primaria.Sto seguendo questo corso perchè sono certa che la lim costituisca un valido supporto sia per gli alunni che per gli insegnanti.Questo strumento offre infatti,svariate possibilità di presentare le lezioni in una maniera interessante ed alternativa.

Importare un database di Excel in Office Access

Come importare dati da Excel in Access

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT