Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: domenica 19 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 213

DATA 05/02/2013 21.33.04 - AUTORE Marina Ciurcina

Insegno nella scuola primaria ed ho, fin dallo scorso anno scolastico, una bella LIM installata in classe e posso assicurare che è notevole l’entusiasmo di tutti i miei alunni nell’affrontare la didattica quotidiana con l’uso della LIM. Ho avuto modo di frequentare diversi corsi e così ho imparato ad usare sia la LIM SMART che la HITACHI. Nel corso delle attività con i miei alunni ci siamo collegati ad internet e così abbiamo “viaggiato”(termine usato dai bambini), cioè messo a confronto paesaggi, città, confrontato carte geografiche, disegnato bandiere, realizzato ricerche, ect. Tutte le attività, naturalmente, sono state sviluppate in modo interdisciplinare. Naturalmente la LIM non deve servire solo per collegarsi ad internet. Attraverso il suo uso ho potuto svolgere attività per il recupero dei bambini diversamente abili, creando, con il software in dotazione, piccoli giochi linguistici, linee del tempo, etc. Lavorare con la LIM in classe è straordinario per tutti insegnanti ed alunni.

DATA 06/02/2013 22.36.31 - AUTORE Rita67

Sono ormai giunta alla fine del corso! E’ inutile ripeterlo, è stato molto interessante! Adesso uso la LIM con più sicurezza, visti i risultati finora ottenuti, soprattutto da parte di quegli alunni che vengono a scuola senza aver capito perché lo devono fare! Da quando in classe usiamo la LIM con assiduità, anche solo come lavagna, tutto è più bello! E come per incanto, anche Pierino trova la scuola un luogo dal quale non vuole andare via, e qualche volta, nonostante uscissimo alle 13,45, senti qualche alunno che ti dice:-Perché dobbiamo andare a casa? Io volevo rimanere!!!!!!!!!!!! Ci sono giorni, però, dove ti accorgi che le macchine sono sempre macchine! E magari tu hai fatto l’una di notte per prepararti una lezione da proporre ai tuoi alunni, nonostante la stanchezza ti senti soddisfatta del lavoro, ma qualcosa non funziona: la connessione o il computer è troppo lento! E allora? Per un attimo perdi la pazienza e ti ritrovi a dire:-Preferisco le vecchie abitudini a questa perdita di tempo!

DATA 07/02/2013 11.43.35 - AUTORE Francesca

Il libro è il punto di riferimento fondamentale dell'insegnamento, la LIM,invece, è uno strumento dalle grandi potenzialità perchè sfrutta un linguaggio visivo e interattivo, vicino a quello degli studenti, abituati al computer, ai telefonini, ai lettori mp3....

DATA 07/02/2013 11.50.40 - AUTORE Francesca

Gli studenti, grazie alle loro spiccate abilità informatiche,usano la LIM con disinvoltura e si sentono più coinvolti nel processo formativo.

DATA 07/02/2013 13.42.05 - AUTORE Carmelita57

La LIM? Efficace e funzionale, si sta diffondendo sempre più nelle nostre scuole e sta mostrando tutte le sue potenzialità soprattutto per quanto riguarda la capacità di coinvolgimento degli alunni, la promozione di forme di lavoro collaborativo, l'utilizzo simultaneo di canali comunicativi diversi, l'adattamento e la riorganizzazione dei materiali di studio. Indubbiamente, questi stessi pregi la rendono uno strumento utile per migliorare la didattica per tutti gli alunni in una prospettiva inclusiva. Mi chiedo però se noi docenti siamo veramente in grado di usare e gestire la LIM nelle sue diverse funzioni. Spesso si rischia di usarla come uno schermo per far vedere ai nostri alunni documentari o materiale vario che poi loro devono rielaborare. Ci vuole sicuramente tanta buona volontà da parte nostra ed una predisposizione al cambiamento che solo l'entusiasmo degli alunni possono trasmetterci.

DATA 07/02/2013 14.33.27 - AUTORE Carmelita57

Sono insegnante di scuola primaria e da quest’anno ho avuto il mio primo approccio pratico con la LIM, non nego che all’inizio avevo un po’ di paura, ma credo legittima perché sapevo, e so, che gli alunni nell’uso degli strumenti tecnologici sono davvero molto bravi, poi mi sono detta che è proprio questo il punto di forza:ricevere insegnamenti. L’attenzione degli alunni cresce, aumenta la partecipazione che, soprattutto nella fase iniziale, implica anche un po’ di caos, e la necessità di imparare un nuovo modo di lavorare in aula. La quotidianità è scandita anche da piccoli inconvenienti pratici legati alla gestione della LIM e del computer, problemi che “scatenano” l’energia dei ragazzi nello “smanettare” per trovare soluzioni e dare suggerimenti. Per i ragazzi è il segno concreto di una scuola che si toglie un po’ di ragnatele, che si avvicina al loro mondo; per gli insegnanti è una novità guardata con un po’ di sospetto iniziale, a volte piovuta dal cielo, con il timore di non essere pronti, di poter essere spiazzati o “giudicati” da allievi che appaiono più abili dell’adulto nell’uso delle tecnologie.

DATA 07/02/2013 23.04.41 - AUTORE silvana

Buonasera!La mia esperienza personale con la LIM è stata molto positiva...la scuola ha bisogno di novità,di freschezza per affascinare i nostri bambini e questa credo sia una buona strada per poterci riuscire.Personalmente ritengo che l'efficacia della lim sia più facilmente tangibile nel lavoro con le prime classi della scuola primaria.Dico questo perchè quest'anno ho "ricominciato" con la prima elementare e sono certa che i miei bimbi impazzirebbero ad apprendere in maniera così nuova e dinamica!

DATA 11/02/2013 13.13.16 - AUTORE Rosaria

La LIM è la “nuova lavagna” che potrà essere usata al posto della vecchia lavagna di ardesia, quindi niente più polvere di gesso, …. Essa è una periferica hardware collegabile con un computer, che utilizza la tecnologia touch - rilevazione del tocco - realizzata con varie soluzioni per acquisire come input la posizione del puntatore del mouse e la pressione dei suoi tasti destro e sinistro. Questa tecnologia attirerà sicuramente di più i nostri alunni per le diverse possibilità che ci offre per di spiegare una lezione: suoni, colori, movimenti, collegamenti ai siti, ecc. La LIM ci consente di interagire su di una superficie di grandi dimensioni (quindi facilmente visibile anche agli allievi infondo all’aula). Secondo me è un ottimo strumento didattico, speriamo che sia disponibile al più presto in tutte le aule e che venga utilizzata coinvolgendo anche gli allievi.

DATA 11/02/2013 13.15.47 - AUTORE Rosaria

La scuola tenta di essere a passo con i tempi, adoperando la Lavagna interattiva multimediale. Prima di conoscerla avevo molti dubbi, certo non sono un’esperta nell’utilizzarla, però la ritengo interessante e utile, sono sicura che dagli alunni sarà accettata più della vecchia e nera lavagna in ardesia. Se utilizzata la Lim potrà essere uno strumento meraviglioso e rivoluzionario riguardo al modo di insegnare, coinvolgerà tutti gli alunni, che possono anche loro intervenire con delle proposte e imparare sotto forma di gioco. Del resto, oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente, quindi ritengo che sia giusto che anche noi insegnanti ci aggiorniamo.

DATA 11/02/2013 17.18.30 - AUTORE Maria

Oggi ho preparato una lezione di scienze per la LIM... Che bella che è! Ho provato tanto entusiasmo nel prepararla. Sono sicura che non appena ne potremo fare uso in classe, i bambini saranno felici di apprendere.. Considero la LIM uno strumento molto efficace, un'opportunità che permette di gestire il lavoro in aula in modo più efficiente... E' uno specchio su cui e con cui riflettere... e poi, usarla sotto forma di gioco cattura l'attenzione degli alunni!

DATA 12/02/2013 11.02.29 - AUTORE Francesco Scandurra

Sono un docente di matematica e fisica che insegna nella sezione associata di Aci Bonaccorsi del Liceo Scientifico “Archimede” di Acireale. Da qualche anno la mia scuola si sta attrezzando nell’implementazione in aula della tecnologia LIM, raccogliendo un apprezzabile entusiasmo da parte dei docenti e degli studenti. Nella nostra piccola sezione associata, cresciuta negli ultimi anni, solo quest’anno si è provveduto all’installazione di due LIM, in previsione di una loro estensione a tutte le aule del plesso. Personalmente ritengo utile e necessaria l’adozione delle nuove tecnologie in classe, anche in vista di una loro inevitabile integrazione a livelli più avanzati e alla flessibilità del loro utilizzo (si pensi pure ai tablet e alla tecnologia wi-fi, che rende possibile sin d’ora lo scambio istantaneo di informazioni digitali tra gli utenti, così come alla digitalizzazione dei contenuti tradizionalmente cartacei). Ho così colto l’occasione per confrontarmi personalmente con l’utilizzo in classe della LIM e di valutare le sue potenzialità e risorse, convogliando opportunamente le personali competenze già acquisite nell’utilizzo del computer per la mia attività didattica. Tuttavia, forse per mia formazione, non ritengo lecito abbandonare completamente gli strumenti tradizionali che ci hanno accompagnato, con i loro pregi e difetti, nel nostro lavoro in classe. Se un giorno, per qualsiasi motivo, che oggi nemmeno immaginiamo, dovesse venire a mancare l’energia elettrica, non dobbiamo farci trovare impreparati. Cordialmente.

DATA 13/02/2013 10.53.57 - AUTORE paolo

La LIM migliora la qualità della formazione è uno strumento pedagogico che si deve utilizzare PER-CON-DAI bambini

DATA 13/02/2013 17.34.34 - AUTORE Daniela_A345A

La realtà di oggi in una scuola di ieri... questa è la riflessione che faccio continuamente e che mi spinge ad accrescere le mie competenze digitali, non posso fare a meno di chiedermi continuamente quanto le scuole italiane e noi insegnanti siamo preparati a confrontarci con i metodi di conoscenza ed apprendimento utilizzati oggi dagli studenti. Cosa vuol dire essere insegnanti del ventunesimo secolo? Che tipo di docente si aspetta un nativo digitale? Credo che le Istituzioni abbiano il dovere, eludendo sterili discussioni sulla volontà effettiva, di fornire gli strumenti atti alla costruzione di ambienti di apprendimento adeguati alla realtà sociale contemporanea; ma credo anche che a noi insegnanti spetti il compito di attuare la tanto sbandierata "formazione continua" su noi stessi per primi, in modo da renderci in grado di gestire le risorse, gli strumenti ed i servizi per svolgere un nuovo tipo di insegnamento, che preveda non solo aule dotate di LIM e laboratori, ma metodologie didattiche efficaci e coinvolgenti finalizzate alla trasformazione di ogni classe in una comunità di apprendimento. In presenza di studenti sempre più avvezzi al web ed ai social network non posso non trovarmi d’accordo con le parole dell’articolo di apertura di questo forum, è quanto mai opportuno e doveroso per noi docenti, in quanto "professionisti" e non solo perché "incentivabili", unirsi a quella schiera, per fortuna sempre più numerosa, di insegnanti competenti, formati ed esperti nell'applicazione delle tecnologie nella didattica e nella metodologia. Visto l’ambiente di apprendimento a cui affido questo mio intervento, auguro a tutti noi un “buon cammino” nella nostra formazione continua e ringrazio Assodolab, ed altre pur valide associazioni, per l’opportunità messa a nostra disposizione di informarci e formarci.

DATA 13/02/2013 23.14.38 - AUTORE giuseppinagiovanna

Insegno nella scuola superiore da diversi anni. Tempo fa,osservando i primi cataloghi del materiale didattico inventariabile, sui quali erano raffigurate le prime lavagne luminose, pensavo che potessero essere utilizzate soltanto nella didattica dai docenti delle scuole primarie, affinchè gli alunni potessero apprendere la "tecnica della scrittura", la conoscenza dei numeri, conseguentemente acquisire competenze e capacità di calcolo, soluzioni di problemi di matematica, ecc... Invece,durante il corrente anno scolastico, frequentando il corso base sulla LIM,mi sono resa conto che essa è un valido strumento/mezzo audiovisivo che può essere utilizzato dai docenti di ogni ordine e grado; la sua "presenza"in aula fa naturalmente cambiare la metodologia dell'insegnamento rispetto alle lezioni e spiegazioni tradizionali e penso che si ottengano obiettivi, risultati programmati, senza dubbio, positivi a vantaggio dell'apprendimento degli alunni.Infatti, la proiezione, la luminosità delle immagini la costruttività logica di qualsiasi unità didattica, proposta di volta in volta, colgono l'attenzione e l'interesse degli allievi con maggiore prolissità nel tempo.

DATA 13/02/2013 23.33.22 - AUTORE giuseppinagiovanna

Nel corso degli anni scolastici o in alcune classi si conoscono alunni demotivati per diverse problematiche personali o proprio perchè facenti parte della crescita e delle tappe esistenziali legate all'età evolutiva dei giovani.Premesso cio, penso che la LIM nel processo di insegnamento/apprendimento sia un valido ausilio didatticoper i docenti perchè si ottengono risultati e obiettivi positivi con un livello di attenzione da parte degli alunni più alto e con un aumento di interesse tale da raggiungere il coinvolgimento e la compartecipazione diretta e attenta della classe. Si possono visualizzare esperimenti scientifici, mostrare procedimenti tecnici di lavorazione difficilmente osservabili in altro modo, esaminare gli effetti del clima al variare dei vari fattori, esaminare le reazioni di una cellula,scomporre e sintetizzare suoni e colori, ecc... Le conoscenze acquisite e interiorizzate dagli alunni potranno tradursi meglio nelle loro competenze e capacità applicative.Purtroppo nelle nostre scuole del Sud Italia ancora ce ne sono poche a disposizione di noi docenti.

DATA 14/02/2013 9.00.41 - AUTORE Tania

Salve, sto partecipando attualmente al corso LIM. Abitualmente utilizzo il PC per l'effettuazione di lezioni con il programma Power Point e devo dire che l'Easiteach è semplice e curato nei dettagli per la preparazione di lezioni, soprattutto interessante trovo l'importazione di siti all'interno delle slide per l'approfondimento di parti di lezione che altrimenti diverrebbero estremamente lunghe e noiose da vedere.

DATA 14/02/2013 9.28.08 - AUTORE Andrea

Salve a tutti, sono sempre stato attratto dalle novità tecnologiche, tanto da aver partecipato ad un corso di formazione per l'utilizzo della LIM, credo sia un importante strumento per invogliare e rendere più partecipi i ragazzi alle varie lezioni. Già ho sperimentato in classe l'utilizzo della Lim con una lezione di grammatica, dove i ragazzi sono rimasti molto affascinati e partecipi. Vorrei dire ai vertici del ministero che questi corsi e l'esame dovrebbero essere pagati dal ministero e la certificazione dovrebbe avere una valenza a livello di punteggio non solo per i trasferimenti, ma anche per le graduatorie interne d'istituto, dove un sacco di "colleghi" se ne fregano di aggiornarsi e poi per mezzo punto ti superano in grduatoria. il Ministero dovrebbe mandare una circolare dove si dica che da questo anno 2013 le varie certificazioni tipo ECDL-LIM ect.... sono valide e riconosciute per le graduatorie nazionali e d'istituto.

DATA 14/02/2013 15.48.15 - AUTORE scalisi.s

Sto seguendo il corso sulla Lavagna Multimediale Interattiva Panaboard, e posso dire che sono soddisfatto della mia scelta. Insegno esercitazioni di odontotecnica, dal mio punto di vista, la LIM permette la semplificazione dei processi di comunicazione, da parte di docenti e costituisce uno strumento di stimolo dell'attenzione da parte degli allievi. Ritengo che sia utile anche a chi utilizza l'informatica da lungo tempo.

DATA 14/02/2013 17.16.39 - AUTORE scalisi.s

Ritengo che si molto importante introdurre una lavagna interattiva in laboratorio, poichè si "apre" la classe al digitale e alla tecnologia e ciò aiuta a rendere le lezioni più motivanti. La classe diventa, in modo nuovo, un ambiente di apprendimento e di formazione in cui tutti possono interagire con quanto avviene sullo schermo. la LIM facilita la spiegazione dei processi, la descrizione di situazioni e ambienti, l’analisi di testi. Tutto ciò consentendo una visualizzazione diretta e condivisa dell’oggetto su cui è convogliata tutta l’attenzione degli allievi, avendo altresì contestualmente la possibilità di salvare i percorsi didattici proposti, per successivi utilizzi o per la distribuzione agli studenti.

DATA 15/02/2013 9.57.25 - AUTORE mariarm

Ciao, sono Mariarm, un'insegnante di scuola primaria. Ho partecipato a un Pon sulla Lim perchè considero la lavagna interattiva multimediale, uno strumento utile per la didattica e indispensabile a noi docenti, se vogliamo stare al passo con i tempi. Ecco perchè, pur definendomi una "tardiva digitale", sono pronta a rimettermi in gioco, a rivedere e ristrutturare pratiche che consideravo consolidate da anni e soprattutto a "reinventare la didattica".

Excel fa "tendenza"

Una analisi della funzione TENDENZA e delle sue possibili applicazioni

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT