Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: lunedì 23 ottobre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 291

DATA 10/04/2014 18.28.34 - AUTORE Rosa_F376N

SVANTAGGI SULL’USO DELLA LIM NELLA DIDATICA La lavagna interattiva multimediale può essere utilizzata in diversi modi: per la didattica frontale, per attività che coinvolgono la classe (ad es. lavorare su immagini o attività interattive e laboratoriali), per le interrogazioni, per la presentazione in modo innovativo di ricerche ed elaborati realizzati dagli studenti. Infine, può essere utilizzata per effettuare percorsi di navigazione su web in classe. A fronte delle succitate positive potenzialità dell’innovativo strumento tecnologico, non vanno però sottaciuti i relativi limiti e criticità. Tra i primi va sempre tenuto in debito conto, per l’efficienza della nuova metodica (LIM), che si deve disporre di un assetto tecnologico funzionante: dalla fonte di energia (elettricità), ai presidi di hardware e software . Così come con il proiettore appeso al soffitto spesso c’è difficoltà nel posizionarsi in modo che la propria ombra non copra i contenuti, ponendosi all’angolo per ridurre il cono d’ombra. Riguardo alle criticità queste possono celarsi in un uso non consono della LIM volto talora a surrogare sistematicamente la classica lezione frontale e spesso ad essere utilizzata -nei vari passaggi espositivi- priva di momenti di diretta interlocuzione con gli alunni o di espresso rinvio -su taluni argomenti in visione- a un apposito approfondimento e studio su libri di testo. E’ bene, pertanto, predisporre una pianificazione del lavoro didattico che eviti il c.d. vizio da “visual learning” per cui gli studenti possono essere più interessati al movimento degli oggetti o al funzionamento dei pulsanti, piuttosto che non ai contenuti veicolati. Rispetto ai citati primi aspetti negativi (limiti essenzialmente di tipo tecnico) la buona riuscita dell’attività didattica nell’uso della LIM è quindi primariamente legata alla disponibilità da parte dei docenti a dedicare tempo anche al di fuori del loro orario di servizio e all’attenzione nella ricerca dei materiali e progettazione espositiva degli stessi nel quotidiano percorso didattico-interattivo.

DATA 10/04/2014 18.32.24 - AUTORE ROBERTA_A662D

Sono un’insegnante di Lettere in una scuola Secondaria di primo grado ai suoi primi anni di ruolo. Quest’anno ho scelto di frequentare un corso di formazione sulla LIM poiché avverto la necessità di conoscere e riuscire a padroneggiare questo innovativo mezzo di tecnologia didattica che si va ormai diffondendo nelle nostre aule scolastiche, purtroppo in maniera non ancora uniforme, ponendo quindi gli insegnanti di fronte a una serie di difficoltà di tipo logistico. Infatti attualmente non dispongo di una LIM nella mia classe, ma voglio preparami nell’ottica di un futuro ormai tecnologicamente inarrestabile che vedrà presto o tardi la scomparsa delle care vecchie lavagne in ardesia e dei loro polverosi gessetti. A proposito dei vantaggi della LIM, ritengo che l’impatto visivo sia ciò che principalmente può attrarre e interessare un alunno rispetto alle lavagne tradizionali, in quanto riproduce a livello di immagine l’estetica televisiva o quella di un computer, però su grande schermo. È tuttavia la sua multimedialità quella che più mi sembra utile sul piano didattico, poiché potrebbe rappresentare un sicuro aiuto per i problemi di apprendimento e di attenzione di alcuni alunni in particolare: il fatto di poter usare video, immagini e suoni durante la lezione sia in maniera attiva (produzione di risorse) sia in maniera passiva (sfruttamento di risorse); la possibilità di lavorare con le parole usando la grafica o di manipolarle trasformandole in immagini o collegandole ad esse, raffigurando così concetti e idee mediante collegamenti logici e analogici, potrebbe rendere certamente meno “noiosa” una lezione di grammatica italiana o di storia, per fare solo qualche esempio. Se a questo si aggiunge l’interattività della LIM, che permette di modificare un lavoro già creato, conservare le modifiche, catalogare i lavori e condividerli anche con altri docenti, ed infine la possibilità di collegarla con la rete usufruendo delle sue risorse “dinamiche”, è innegabile la rilevante potenzialità didattica di questo strumento.

DATA 10/04/2014 18.33.42 - AUTORE ROBERTA_A662D

Ormai l’anno scolastico sta volgendo al termine, così come questo corso di formazione sulla LIM; oltre all’averne imparato l’utilizzo base, ritengo di avere ben chiari diversi vantaggi e svantaggi circa l’uso di questo nuovo strumento di tecnologia didattica, anche grazie alla testimonianza dei numerosi interventi dei colleghi su questo forum. In questo intervento vorrei soffermarmi solo sugli svantaggi, che a mio parere sono in numero inferiore rispetto ai vantaggi: oltre a essere ancora uno strumento in fase di diffusione, necessita sicuramente della figura professionale di un tecnico che coadiuvi il docente nel corretto funzionamento dello stesso, una persona quindi che faccia da referente anche per gli aggiornamenti del software della stessa LIM; importante è anche la disposizione dei banchi all’interno dell’aula, che dovrebbe essere a ferro di cavallo per facilitare la partecipazione alle attività della LIM, cosa obiettivamente non fattibile nelle nostre aule dove gli spazi sono in realtà molto “misurati”; il docente, infine, deve stare attento a non utilizzare la LIM esclusivamente per coinvolgere in maniera più divertente gli alunni su determinati argomenti, scaricando cioè semplicemente risorse dalla rete per utilizzarle in lezioni estemporanee: questo potrebbe non produrre alcun risultato sul piano dell’apprendimento. È necessario invece considerare la LIM come parte integrante della programmazione a lungo termine, impegnando quindi l’insegnante a progettare in anticipo tutto il lavoro da svolgere con la LIM nel corso dell’anno, evitando improvvisazioni; ma ciò non può e non deve essere considerato uno svantaggio, bensì un arricchimento per l’insegnamento.

DATA 10/04/2014 18.40.50 - AUTORE Vita_H096Q

La lavagna interattiva: pro e contro Nella scuola per la didattica la Lavagna Interattiva sta avanzando al posto della vecchia in ardesia. È un modello di comunicazione: feedback multimediale. Essa è una presentazione immediata di testi, immagini, filmati, interazione; si può salvare ogni pagina e rivedere la lezione insieme, ampliarla, modificarla ulteriormente; si possono creare e fare giochi interattivi, annotazioni e modifiche "al volo" su presentazioni, file di testo o di calcolo, filmati; costruire mappe in collaborazione; permette di visualizzare immagini e video durante le spiegazioni dell’insegnante, permette di realizzare schemi e di memorizzarli per un successivo utilizzo, permette di completare esercizi predisposti dall’insegnante arricchiti di elementi, grafici e chiarificatori; permette infine, tramite collegamento ad Internet, di esplorare il web per le attività di ricerca. Fa in modo che la lezione sia supportata da più “media” per una profonda comprensione da parte degli alunni e una più facile memorizzazione. Rende attiva la partecipazione alle lezioni da parte degli alunni in quanto gli stessi possono lavorare direttamente sui contenuti e modificarli al solo tocco di una mano o di un pennarello virtuale.

DATA 10/04/2014 18.42.00 - AUTORE Caterina_F280S

La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) è uno strumento in grado di trasformare il computer ed il proiettore in un potente oggetto didattico su cui è possibile scrivere, proiettare filmati, spostare immagini e altri oggetti multimediali con le mani o con apposite penne digitali, salvare le lezioni svolte sul computer per poterle riutilizzare in seguito o metterle a disposizione degli alunni. La LIM è quindi, uno strumento tecnologico che permette di mantenere la didattica classica centrata sulla lavagna tradizionale, potenziandola con la multimedialità e la possibilità di usare software didattico in modo condiviso. Con la LIM diviene possibile mostrare alla classe ed utilizzare software didattici, navigare all’interno di siti internet, mostrare video e DVD ed interagire con gli stessi bloccando le immagini, estrapolando particolari, inserendo commenti, scritti, ecc. oltre a questo è possibile registrare la lezione come filmato, completo di audio, da riproporre agli studenti in un secondo momento. Consente inoltre, se utilizzata in classe, di estendere l’utilizzo dell’informatica a tutti gli alunni in ogni disciplina didattica indipendentemente dalla disponibilità dell’aula informatica.

DATA 10/04/2014 18.43.01 - AUTORE Vita_H096Q

Lavagna interattiva. Utile anche ad alunni con disabilità: nel caso di disabilità motoria si può utilizzare la tastiera di un computer per scrivere e per l’ alunno caratterizzato da una forte iperattività che gli impedisce di seguire con profitto le lezioni può offrire più attenzione, maggiore interesse. Mentre i problemi dell'adozione della LIM nelle scuole possono essere: la preparazione del corpo docente che si presenta ancora limitata da modelli tradizionali che generano, a volte, resistenza al cambiamento e la disponibilità dei contenuti caratterizzati solamente della trasmissione di nozioni disciplinari più o meno interattive e più o meno multimediali, utilizzata solamente per mostrare agli studenti delle risorse, dei video, delle animazioni o per confezionare in maniera più appetibile e ordinata gli stessi materiali che fino a ieri utilizzavamo con la lavagna di ardesia. Si perde quindi la capacità di innovazione per rimanere in un ambito di limitata modernizzazione del linguaggio. Ad oggi non esistono applicativi e neppure software didattici, in pratica non esiste una biblioteca strutturata per le LIM. Esistono delle lezioni tematiche vendute da case editrici digitali. Queste lezioni hanno una diffusione scarsissima proprio in ragione del fatto che la scuola pubblica italiana non ha risorse da investire in quella direzione e, a dire il vero, neppure in altre direzioni. Esistono poi una serie di lezioni "registrate" e messe a disposizione on-line da alcuni volenterosi insegnanti che, avendole già prodotte per loro uso e consumo, hanno deciso di condividere i propri lavori con la collettività. Questa lodevole iniziativa si scontra spesso con la difficile reperibilità dei contenuti. In buona sostanza esistono, in rete, una serie di contributi non omogenei, non catalogati e non standardizzati quindi, in pratica, non utilizzabili in modo strutturato soprattutto da chi non ha molta dimestichezza con gli strumenti di ricerca. A dire il vero sono scarsi o nulli anche gli strumenti necessari per acquisire i principi fondamentali, da parte del personale docente, all'utilizzo delle lavagne interattive (tutorial). La scuola, quindi, ha gli strumenti (LIM) ma non i contenuti strutturali per le lezioni necessarie ai vari progetti didattici.

DATA 10/04/2014 18.44.19 - AUTORE Adriana_H096Z

Vantaggi dell’uso della LIM. L’utilizzo operativo della LIM in classe, agevola a mio parere il lavoro degli insegnanti, permettendo la realizzazione di attività più complete e più accattivanti che coinvolgono più attivamente gli alunni sotto forma ludica e creativa. Si potrebbero proporre diversi giochi che sviluppano le abilità linguistiche, scientifico logiche e artistiche attraverso l’esperienza diretta, ma anche, permettono loro di sviluppare la fantasia quando gli si offre di “creare” un elaborato personalizzato e allo stesso tempo si permette al resto dei compagni di interagire e confrontarsi. Con la LIM si potrebbero progettare attività costruttive che partono da situazioni problematiche e favoriscono la formulazione di ipotesi e di ragionamento da parte degli alunni favorendo, così, la loro inclinazione naturale alla scoperta.

DATA 10/04/2014 18.47.55 - AUTORE Adriana_H096Z

Svantaggi dell’uso della LIM. L’uso della LIM prevede che gli insegnanti sappiano utilizzare questo software e che abbiano delle solide basi di informatica; che abbiano il tempo di prepararsi a casa e predisporre il lavoro mirato e interattivo con giochi, presentazioni in power-point arricchite con immagini multimediali. Gli insegnanti devono predisporsi a cambiare il solito modo di fare lezione usufruendo della LIM come una preziosa risorsa anche per condividere il lavoro con i colleghi. Un problema potrebbe essere quello che trattandosi di strumentazioni elettroniche può accadere a volte un cattivo funzionamento del software, un mancato collegamento ad internet, un calo di tensione elettrica che ti riporta al riuso e non abbandono della “vecchia lavagna”.

DATA 10/04/2014 19.47.53 - AUTORE Rosa_H096G

Gli aspetti positivi e innovativi dell’introduzione dell’uso della LIM nella didattica, come si evidenzia dalle potenzialità emerse, sono stati molteplici sia per gli studenti che per i docenti. Gli alunni, anche quelli di solito meno motivati, hanno manifestato molto interesse e partecipazione nell’attività didattica con la LIM. Le presentazioni dei percorsi e le strategie di soluzione davanti ai compagni hanno prodotto momenti di costruzione collaborativa delle conoscenze, infatti, i ragazzi hanno seguito con interesse le performance dei compagni, hanno notato le incongruenze e hanno fornito suggerimenti ed indicazioni. Anche gli alunni con alcune difficoltà di apprendimento hanno potuto esplicitare la loro creatività e le loro potenzialità apportando il loro contributo nel gruppo. L’utilizzo della LIM nell’attività di tipo pluridisciplinare ha inoltre contribuito a migliorare l’efficacia comunicativa e la capacità espositiva davanti ad un pubblico. Lavorare con la LIM ha prodotto uno spostamento di ruolo del docente da “insegnante tradizionale“ attento ai contenuti, a “tutor” attento anche ai processi di apprendimento e a comunicare e fornire informazioni, materiale ( indicazioni di siti web, immagini, ecc.) stimolando gli alunni a sviluppare e ampliare il proprio percorso pluridisciplinare anche autonomamente. L’utilizzo della LIM ha inoltre permesso che si creassero occasioni di apprendimento collaborativo e di tutoring in cui gli alunni più abili hanno aiutato quelli più in difficoltà. Queste peculiarità fanno della LIM una tecnologia "a misura" di aula scolastica, che trova collocazione in classe, anziché nei laboratori o nelle aule speciali dove finora le ICT sono rimaste confinate, e che in classe esprime un valore di innovazione.

DATA 10/04/2014 20.50.38 - AUTORE Mariagrazia_H096Y

E’ opinione ampiamente diffusa che le tecnologie multimediali costituiscano una grande risorsa per la didattica. I docenti che hanno la possibilità di svolgere la loro attività in ambienti multimediali hanno rilevato negli allievi, anche in quelli che solitamente manifestano scarso interesse verso le altre proposte educative e didattiche, una forte motivazione a partecipare da “protagonisti”. In realtà, anche le tecnologie multimediali e tra queste la Lim, acronimo di Lavagna Interattiva Multimediale, presentano i loro vantaggi e svantaggi. Tra i vantaggi, ritengo che l’utilizzo della Lim in classe motiverebbe e coinvolgerebbe i nostri alunni ”nativi digitali”, elevando la loro soglia di attenzione e di interazione. Avremmo, così, la possibilità di avvicinarci al loro modo di pensare e di apprendere, facendo scuola insieme a loro. La Lim, attraverso l’interattività, migliorerebbe il loro livello di attenzione e concentrazione facilitando la comprensione dei contenuti. Per noi insegnanti rappresenterebbe uno strumento per risparmiare tempo e rendere più flessibile l’insegnamento grazie all’utilizzo di immagini, audio, video ed esercizi interattivi. Ci permetterebbe di personalizzare il lavoro (sottolineando, annotando, salvando), prestando attenzione e sollecitando i diversi stili di apprendimento degli alunni e migliorando, in molti casi, i loro risultati. Operare con la Lim, inoltre, ci darebbe la possibilità di sfruttare presentazioni Power Point arricchendole con oggetti multimediali, favorendo attività didattiche di apprendimento cooperativo che porrebbero gli allievi al centro del processo di apprendimento. Infine la Lim, potrebbe rivelarsi uno strumento utile anche per gli alunni diversamente abili, che presentano maggiori difficoltà nel seguire lea lezione tradizionale e che potrebbero trarre beneficio da approcci multimediali in grado di stimolare intelligenze diverse. Per noi docenti, non si tratterebbe di stravolgere il modo di far lezione, ma pensare di “innovarlo” dal punto di vista del canale comunicativo.

DATA 10/04/2014 20.59.55 - AUTORE Mariagrazia_H096Y

Tra gli svantaggi nell’uso delle tecnologie multimediali, ritengo che ci sia la necessità da parte dell’insegnante di dotarsi di buone competenze informatiche per apprendere l’utilizzo del software della Lim. Da non trascurare, anche, il tempo necessario per progettare una lezione con essa, creando immagini e testi, cui, di volta in volta, si potrebbero aggiungere nuovi contenuti. Inoltre, se la Lavagna interattiva non è presente in tutte le aule, ma in un altro locale della scuola, si porrebbe la necessità di far spostare la classe con notevoli perdite di tempo, oltre che di attenzione e concentrazione da parte degli allievi. Rischi, infine, potrebbero essere legati ad un mancato collegamento ad Internet o ad un cattivo funzionamento del software, problemi che farebbero tornare ad utilizzare la vecchia e cara lavagna di ardesia, la quale dovrebbe continuare, per questi motivi, ad essere presente. Per concludere, ritengo, che la Lim potrebbe diventare uno strumento di interazione tra docenti e discenti, a patto che, da entrambe le parti, ci sia la capacità di “mettersi in gioco” con passione. La “digitalizzazione” della lavagna, infatti, non è indice, se utilizzata da sola, di un miglioramento in termini di qualità ed efficacia nella didattica; non risolverebbe problemi legati alla motivazione, all’apprendimento significativo e al successo scolastico. Essa come le altre tecnologie didattiche, è pur sempre uno strumento, un mezzo che, per quanto innovativo, necessità di un’integrazione nelle attività di classe per poter dare i suoi frutti migliori.

DATA 12/04/2014 10.12.07 - AUTORE MARIAPIA_H096W

La LIM è uno strumento che rende più sostenibile l’integrazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nel contesto scolastico, facilitandone l’uso nelle discipline e nelle pratiche della didattica. La possibilità di creare schermate in successione, di duplicare infinite volte lo spazio di scrittura, consente non solo di non perdere i contenuti elaborati nei diversi momenti della lezione ma anche di poterli poi consegnare agli studenti sotto forma di file per facilitare lo studio a casa. L’uso della lavagna digitale permette all’insegnante di predisporre a casa i materiali per rinforzare la spiegazione e facilitare la comprensione, navigando tra le “pagine” possono essere messe in atto strategie di riepilogo e recupero dei concetti attraverso le immagini e le figure, oltre che con le parole dell’insegnante con un notevole risparmio di tempo. Utilizzare la LIM è importante poiché permette di salvare come file statici o registrazioni video o audio-video tutto ciò che viene svolto con essa per poi essere riutilizzati anche in contesti diversi o in anni successivi . Poiché la LIM consente di utilizzare qualsiasi software installato sul pc (da quelli per la scrittura digitale, a quelli per la costruzione di mappe concettuali, a quelli per la gestione di test interattivi, ecc) e anche di accedere a internet, potenzia in modo esponenziale la disponibilità di materiali da cui attingere per sviluppare le proprie attività didattiche. Il poter utilizzare media diversi facilita la comprensione anche a chi ha intelligenze diverse e quindi privilegia stili cognitivi differenti da quella linguistico o matematico che sono attualmente predominanti a scuola.

DATA 12/04/2014 18.06.04 - AUTORE GIOVANNA_C134F

Perché usare la LIM. La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) è uno strumento in grado di trasformare il computer ed il proiettore in un potente oggetto didattico su cui è possibile scrivere, proiettare filmati, spostare immagini e altri oggetti multimediali con le mani o con apposite penne digitali, salvare le lezioni svolte sul computer per poterle riutilizzare in seguito o metterle a disposizione degli alunni. La LIM è quindi, uno strumento tecnologico che permette di mantenere la didattica classica centrata sulla lavagna tradizionale, potenziandola con la multimedialità e la possibilità di usare software didattico in modo condiviso. La LIM può influenzare positivamente l’insegnamento e l’apprendimento di ogni materia. Come generalmente succede per le Information & Communication Technologies, l’impatto sull’insegnamento e sull’apprendimento dipende dal modo con cui queste sono integrate con successo negli esercizi di classe. Le LIM sono uno strumento forte per l’insegnamento, soprattutto per quanto riguarda: il miglioramento della qualità dell’insegnamento; il favorire la valutazione del docente nel promuovere interrogazioni efficaci; il miglioramento delle presentazioni; l'integrazione tra la programmazione dell'insegnamento e la preparazione delle risorse necessarie; l'incremento della velocità di apprendimento.

DATA 12/04/2014 18.26.17 - AUTORE GIOVANNA_C134F

I vantaggi della LIM. La LIM offre l'opportunità di attuare la didattica laboratoriale che consente alla scuola di farsi attenta agli stili di apprendimento personali degli studenti. E’ uno strumento che consente di coniugare l'azione educativa del docente con le conoscenze che gli alunni hanno acquisito nell'ambiente extrascolastico. E' strumento di apprendimento collaborativo, di interazione tra i pari, di cocostruzione della conoscenza. Non sostituisce i "tradizionali" strumenti di lavoro (libri, quaderni, appunti, schemi, ecc) ma li integra in una dimensione cooperativa, interagendo con essi e consentendo l'accesso in tempo reale ad una vasta gamma di informazioni. Con la LIM diviene possibile mostrare alla classe ed utilizzare software didattici, navigare all’interno di siti internet, mostrare video e DVD ed interagire con gli stessi bloccando le immagini, estrapolando particolari, inserendo commenti, scritti, ecc. oltre a questo è possibile registrare la lezione come filmato, completo di audio, da riproporre agli studenti in un secondo momento. Consente inoltre, se utilizzata in classe, di estendere l’utilizzo dell’informatica a tutti gli alunni in ogni disciplina didattica indipendentemente dalla disponibilità dell’aula informatica. L’utilizzo della LIM rappresenta senz’altro un aiuto per l’insegnante che, oltre a poter preparare anticipatamente buona parte della lezione, può presentare i contenuti ponendosi di fronte alla classe e non dietro lo schermo del computer, come può avvenire invece in un laboratorio informatico per determinate disposizioni dello stesso.

DATA 13/04/2014 14.31.45 - AUTORE mariella

Secondo me la LIM migliora la comprensione e l'attenzione.Inoltre con un click il docente si può collegare ad internet ed approfondire la lezione.

DATA 14/04/2014 10.36.39 - AUTORE MARIAPIA_H096W

INSEGNARE CON LA LIM: VANTAGGI Nel mondo delle tecnologie per la didattica in questi anni si sono affermati molteplici strumenti a partire dall'impiego del web, ma anche dei software di presentazione, dei learning object, dei video, delle foto digitali, del podcasting. Mettiamo a confronto i suddetti strumenti con le LIM. Rispetto al Web, la LIM permette di sfruttarne tutte le potenzialità informative e di riutilizzarne in percorsi originali, sia grazie alla possibilità di catturare schermate di siti, che di aggregare link utili per la didattica. Creando così percorsi di navigazione sulla LIM che possono funzionare anche in assenza di collegamento alla rete. Rispetto alla presentazione didattica più o meno animata, quella realizzata con la LIM si presenta come un lavoro in corso. Non ha un carattere autoesplicativo, ma permette di costruire un percorso didattico coinvolgendo gli studenti in presenza. Richiede, pertanto, una partecipazione attiva ed è sempre aperta a modifiche successive. Analogamente i learning object sono dei percorsi di apprendimento chiusi, definiti da una sezione di spiegazione ed una di verifica. La LIM può assemblare entrambe le sezioni, lasciando spazio a possibili modifiche e integrazioni anche in corso d'opera. Anche i video didattici sono dei percorsi di apprendimento chiusi, non passibili di modifiche se non in fase di edizione e montaggio. La LIM offre la possibilità di assemblare nello stesso percorso didattico, video, link a video, catture tratte da video; nonché di registrare tutto quel che avviene sullo schermo del display e della lavagna in formato video e di riutilizzarlo, quindi, come guida. Analogo adattamento può essere destinato a qualsiasi immagine o foto digitale che sulla LIM possono essere anche corredate di testo sovrapposto, ritagliate e ritoccate. Grazie alla potenzialità di inserire file audio, anche senza possedere un collegamento alla rete, sul software di presentazione della LIM può essere realizzato un podcast che assembli file audio realizzati con il microfono del PC o con i lettori MP3. Si può, quindi affermare, che i molteplici vantaggi dell’insegnare con le LIM e i contributi che questo strumento può dare alla didattica, ne hanno permesso una rapida diffusione negli ultimi anni.

DATA 14/04/2014 17.48.23 - AUTORE ANGELATERESA_L472L

La LIM: vantaggi e svantaggi La Lim, come è noto, è un acronimo che sta per "Lavagna Interattiva Multimediale". In termini tecnici, si tratta di un'interfaccia tattile che consente a insegnanti e alunni di interagire con il computer attraverso la mediazione di un grande pannello bianco, normalmente appeso alla parete, su cui un video proiettore riproduce il desktop di un computer ad esso collegato Essa. rappresenta un’innovazione tecnologica che può cambiare radicalmente e in positivo il modo di far scuola, di insegnare e di apprendere mostrando tutte le sue potenzialità — in particolare rispetto al coinvolgimento degli alunni, a forme di lavoro collaborativo, all’utilizzo simultaneo di canali comunicativi diversi, all’adattamento e alla riorganizzazione dei materiali di studio. . Le lavagne interattive multimediali, rispetto ad altre tecnologie, presentano importanti vantaggi: • non sono una tecnologia del tutto nuova (si tratta infatti, e piuttosto, di un nuovo modo di usare il computer a scuola); • arrivano (almeno nel nostro Paese) assieme a una buona quantità di esperienze e ricerche svolte in quei Paesi, come Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia e Messico, che le utilizzano ormai da diversi anni; • sono uno strumento capace di aiutare a costruire ambienti di apprendimento stimolanti • sono uno strumento sociale in quanto estensione delle attrezzature fisiche, metodologiche e cognitive del docente nonché di pratiche di lavoro collaborativo di attività didattiche in grado di valorizzare le potenzialità di ogni singolo individuo. • la LIM è un’opportunità e una sfida per i docenti. Un’opportunità perché permette di gestire il lavoro in aula in maniera più efficiente; consente di mettere a disposizione degli alunni materiali didattici multimediali e interattivi, che attivano le competenze proprie e degli allievi, utilizzando innumerevoli fonti e risorse digitali. È una sfida perché costringe a far entrare nella scuola l’uso di linguaggi nuovi e nuove risorse per rendere più efficace l’azione di insegnamento, provando nuove soluzioni, sbagliando, modificando setting già utilizzati, mettendosi in gioco insieme agli studenti • La LIM è una risorsa nelle mani degli studenti. Alla LIM ci si va individualmente, in piccolo o in grande gruppo, per elaborare una consegna, per azzardare ipotesi o per tirare le fila di fasi di lavoro svolte in maniera cooperativa al banco ai computer o nei laboratori di informatica. Alla lavagna non si va più solo per l’interrogazione: ci si va per mettere in gioco le proprie abilità e le proprie conoscenze, anche informatiche, per condividerle con i compagni e con i docenti, per aiutare e per raggiungere gli obiettivi prefissati. • La LIM è uno spazio dinamico che si apre verso il Web, ma che, allo stesso tempo, si amplia verso la classe, i banchi e le pareti. Uno spazio in cui ci si muove, si ragiona e si fa scuola, si insegna e si apprende insieme, ciascuno secondo le proprie risorse e i propri limiti. Con la LIM in classe si incentivano processi di apprendimento che vanno dal lavoro al banco al lavoro alla lavagna, fino al lavoro a casa, facendo rimbalzare gli stimoli avanti e indietro, in modo che acquistino man mano significato. • La visualizzazione è la più riconosciuta tra le potenzialità della LIM. Essa permette di presentare una molteplicità di contenuti utilizzando non più solo l'ascolto o la lettura individuale, ma anche la forza comunicativa dell'immagine. • Un'altra potenzialità è l'interattività, la quale è data da molteplici livelli; riguarda sia la possibilità di intervenire personalizzandoli su tutti i file presenti sullo schermo, sia la possibilità anche fisica di agire sulla lavagna, sia, infine, in presenza di collegamento al web, la possibilità di accedere dalla classe alle risorse di internet.

DATA 14/04/2014 17.52.12 - AUTORE melania curto

mi chiamo melania e sono un'insegnante di italiano di scuola media. ho partecipato al corso sulla lim di secondo livello e ritengo di aver arricchito ulteriormente le mie conoscenze riguardo questo strumento meraviglioso. da quando la utilizzo riesco facilmente ad ottenere l'attenzione e l'interesse dei miei alunni.

DATA 14/04/2014 17.57.06 - AUTORE ANGELATERESA_L472L

SVANTAGGI DELLA LIM • Con il proiettore appeso al soffitto spesso c’è difficoltà nel posizionarsi in modo che la propria ombra non copra i contenuti; porta cioè ad adattarsi ponendosi d’angolo per ridurre il cono d’ombra; • gli studenti potrebbero essere più interessati al movimento degli oggetti e al funzionamento dei pulsanti che non ai contenuti veicolati; • la lezione potrebbe diventare troppo centrata sul docente alla lavagna; • se si utilizza troppo, gli studenti tendono a trasformarsi in passive learners perché la LIM stimola il visual learning; • può indurre ad accelerare i tempi sui singoli argomenti e a semplificare eccessivamente; • può stancare la vista degli alunni; • problemi tecnici. CONCLUSIONI Lavorare con la LIM produce uno spostamento di ruolo del docente da “insegnante tradizionale“ attento ai contenuti, a “tutor” attento anche ai processi di apprendimento. Queste peculiarità fanno della LIM una tecnologia "a misura" di aula scolastica e un potente fattore innovativo della relazione insegnamento-apprendimento.

DATA 14/04/2014 18.11.11 - AUTORE annarita

sono Anna Rita,insegnante di lettere presso una scuola media di Canicattì.Quest'anno ho partecipato al secondo corso sulla lim e ho avuto modo di arricchire e approfondire i concetti appresi l'anno scorso.E' stato molto interessante e altrettanto utile.

Sfondi per Desktop

Una raccolta di fotografie ad alta risoluzione per dare un tocco di originalità al nostro PC

Creare giudizi automatici con il Glossario di Word

Una proposta di utilizzo del glossario, molto utilie al corpo docente

Creare verifiche e test interattivi con i campi modulo di Word

Dalla verifica cartacea a quella elettronica

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT