Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: lunedì 20 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 206

DATA 18/01/2013 16.32.07 - AUTORE graziella

La lavagna interattiva si presta ad accompagnare tutte la fasi della lezione, rendendola più interessante e quindi facilita l'apprendimento degli alunni.

DATA 18/01/2013 18.59.07 - AUTORE Bernardetta_f915c

Sono un'insegnante di religione cattolica che presta servizio in una scuola secondaria di primo grado, in un paese in provincia di Brindisi, dotata già da un anno di lavagne interattive multimediali in tutte le aule. Ritengo che questa innovazione tecnologica possa essere una grande opportunità sia per gli alunni che per i docenti, questo mi ha spinto ad iscrivermi al corso lim basic organizzato dall'Assodolab in modo da acquisire le nozioni fondamentali per un utilizzo quotidiano della lim per lezioni più coinvolgenti ed attive. Sicuramente il linguaggio multimediale è più vicino ai modi di comunicare dei ragazzi e ai loro interessi, perciò l'uso della lim potrà potenziare la motivazione e aumentare la loro attenzione così da renderli protagonisti dell'attività didattica e costruttori del proprio sapere.

DATA 18/01/2013 19.40.56 - AUTORE MARIA_F915N

Sono una docente di Materie letterarie e Latino che sta seguendo un corso sull’uso della LIM. Attraverso le lezioni ho compreso l’importanza dell’utilizzo della LIM, che permette di unire in un unico lavoro documenti di varia natura e diversi dal punto di vista dei canali comunicativi, con i quali è più facile catturare l’attenzione degli alunni, che si sentiranno più partecipi a costruire un prodotto comune. Gli alunni sono già in possesso di competenze che acquisite attraverso l’uso di telefonini, tablet, pertanto sono molto propensi all’utilizzo di strumenti tecnologici per l’apprendimento e lo studio. In questo modo si risparmia tempo, materiale cartaceo, senza, però, escludere il libro di testo, che rimane il punto di partenza per le lezioni e lo strumento indispensabile per i compiti a casa. Le lezioni preparate con la LIM non devono sostituire del tutto la lezione frontale dell’insegnante, che deve conservare sempre il ruolo di formatore anche nell’era di Internet, perché insegna a cercare, filtrare, selezionare, accettare o rifiutare le informazioni. Già in passato ho utilizzato contenuti digitali, facendo produrre agli alunni di una seconda classe un “ “artefatto sinestetico”, che ha interessato ed entusiasmato gli alunni. Certamente le lezioni con la LIM saranno un valore aggiunto alla didattica e all’apprendimento. Se la lavagna non è collocata nell’aula, c’è il rischio che la LIM diventi uno strumento di cui servirsi per “evadere” dall’aula e fare qualcosa di diverso per accontentare gli alunni. E’ necessario, infine, possedere la LIM in ogni aula, per un utilizzo proficuo e costruttivo.

DATA 18/01/2013 19.43.44 - AUTORE MARIA_F915N

Sono una docente di italiano e latino in un liceo scientifico e ho appena concluso un corso sulla LIM. Se all’inizio ero un po’ scettica nei confronti del computer e, di conseguenza, della LIM nell’insegnamento, ora considero vantaggioso l’uso della LIM in classe per vari motivi. In primo luogo l’uso può essere facilitato dal fatto che gli alunni posseggono già competenze nell’uso delle nuove tecnologie; in secondo luogo la LIM rende la lezione più attraente, con la possibilità di adattare la propria didattica al contesto classe; rispetto alla lavagna di ardesia, la lezione si può servire di più fogli, sui quali è possibile evidenziare, ingrandire, modificare le lezioni, che si potranno archiviare, così che risulteranno utili sia a quelli che non hanno potuto assistere alle lezioni sia a quelli che hanno difficoltà a prendere appunti durante la spiegazione; salvando il file, si può, in un'altra giornata, continuare la lezione. Non bisogna trascurare tra i vantaggi l’impatto visivo, la multimedialità, la facilità di manipolazione, l’uso nelle attività di sostegno e di recupero, l’interattività e l’essere multilink. Infine permette di collaborare con i colleghi di materie affini e non attraverso l’organizzazione di lezioni trasversali sicuramente più efficaci e coinvolgenti. Tra gli svantaggi il problema principale è il numero limitato delle LIM nella scuole, che può comportare problemi nell’organizzazione del lavoro con gli alunni e con i colleghi: sovrapposizioni di orari, spostamento dalle aule.

DATA 18/01/2013 20.47.21 - AUTORE Rosalia57

Sono una docente di matematica e fisica in un liceo classico e linguistico e appare chiaro come l'uso della Lim sia uno strumento validissimo in particolar modo per la mia disciplina. Infatti mi consente di poter presentare le mie lezioni attraverso l'ausilio di strumenti pronti o facilmente reperibili(figure geometriche, linee,riempimenti, software matematici, lezioni o immagini reperibili su internet, simulazioni di laboratorio in fisica, e quant'altro) che mi permettono di rendere la lezione interattiva, multimediale ed interessante per i miei alunni. Inoltre ho la possibilità di salvare la mia lezione subito o di poterla preparare a casa; e questo se ,in un primo momento, mi richiede tempo, me ne fa risparmiare tanto in classe perchè non devo riempire ogni volta la lavagna classica di formule e procedimenti , che essendo già pronti non annoiano i ragazzi e permettono una presentazione immediata e sempre a disposizione. Ho notato che non tutti i software relativi alla lim sono soddisfacenti e che l'utilizzo manuale è più comodo rispetto a quello della penna per selezionare i comandi

DATA 19/01/2013 11.41.35 - AUTORE carmen

Per me la lavagna luminosa oltre ad essere un elemento all'avanguardia per fare lezione, serve anche a coinvolgere tutti gli alunni a partecipare attivamente

DATA 19/01/2013 11.47.41 - AUTORE carmen

Il software della lim si presta a tutte le materie, permettendo di mettere in evidenza ciò che si vuole spiegare grazie alla miriade di strumenti messi a disposizione per scrivere - disegnare - visualizzare testi - inserire immagini - riprodurre video e interazione con il web.

DATA 19/01/2013 16.04.28 - AUTORE antonellad960c

L'utilizzo della LIM è senz'altro un valore aggiunto al processo educativo e può rappresentare un valido supporto alla didattica: aiuta indiscutibilmente ad attirare l’attenzione dello studente (cinema effect), incrementa la concentrazione e la motivazione, facilita il ricorso dinamico alle risorse digitali e, soprattutto, offre maggiori possibilità di interazione e cooperazione. Tutto ciò accompagnato da un buon livello di progettualità delle risorse,altrimenti la LIM non condurrà a significativi miglioramenti nell’apprendimento. E' senza dubbio rischioso utilizzarla come se fosse un semplice videoproiettore perchè non farebbe altro che rafforzare il modello d’apprendimento incentrato sull’insegnante . Se, al contrario, lo sforzo di pianificare adeguatamente le attività e creare contenuti adatti si concretizza, la LIM offre senza dubbio interessanti opportunità in termini di: • diversificazione delle risorse • motivazione e coinvolgimento attivo dello studente • incremento della partecipazione e dell’interazione dello studentecon le risorse e con il resto della classe. L’insegnante, dal canto suo, potrà massimizzare l’impatto della LIM solo se sarà disponibile a: • impiegare del tempo nella formazione e auto-formazione • esplorare (magari con l’aiuto della classe!) tutte le funzionalità e le possibilità offerte dalla lavagna • collaborare e condividere risorse con alunni e colleghi.

DATA 19/01/2013 17.01.46 - AUTORE antonellad960c

Sono un’insegnante di scuola primaria da diversi anni,sempre pronta a mettersi in gioco e a stare al passo con i tempi nei metodi e nei mezzi senza alcun pregiudizio verso le novità , anche quelle che all’inizio possono disorientare. Oggi nell’era dei “Nativi Digitali”, noi insegnanti dobbiamo guardare le nuove tecnologie, con la consapevolezza che non se ne può più fare a meno, anche il MIUR se n’è accorto e sta INVESTENDO , anche in questo periodo di grande AUSTERITY,sulla tecnologia soprattutto con l’aiuto dei Fondi Strutturali Europei e dei Fesr. Nascono così nelle scuole progetti di formazione per insegnanti e progetti per informatizzare la scuola e fornirla di lavagne interattive. Vogliano disattendere la volontà del Superiore Ministero????? Non sia mai !!!! Bando ai sarcasmi! Sono fermamente convinta , e nella mia scuola sono stata una promotrice,che l'utilizzo delle nuove tecnologie servirà a sfruttare a pieno le potenzialità degli alunni capaci di padroneggiarle molto meglio di noi docenti i nuovi strumenti .Per questo mi sono iscritta al corso LIM del mio Istituto, sperando di diventare abile e capace di rendere le mie lezioni più coinvolgenti e meno noiose per i miei studenti. Naturalmente credo che l'utilizzo della LIM dovrà essere programmato nei minimi dettagli per evitare di perdere troppo tempo prezioso e che dovrà essere utilizzato con sagacia , calibrando sempre in modo ottimale le lezioni. La lavagna interattiva multimediale rappresenta un’evoluzione di uno strumento molto familiare a formatori e insegnanti ,che tuttavia rielabora e accresce il proprio campo di utilizzo raccordandosi con numerosi altri supporti cooperativi ed interattivi: risorse didattiche on-line e off-line, ambienti di apprendimento, Internet, ecc. Difatti Chi sta già adoperando la LIM può testimoniare gli elevati indici di gradimento e di coinvolgimento degli allievi e ha già potuto registrare una maggiore facilità di apprendimento favorita dall'uso delle immagini e dei filmati. È infatti ampiamente dimostrato che,l'apprendimento visivo, coinvolge un maggior numero di aree cerebrali, e pertanto stimola una maggiore attenzione e facilita i processi di memorizzazione . In definitiva ora che siamo alla conclusione del corso , posso affermare che ho finalmente imparato ad usare la LIM e sono decisa ad utilizzarla in classe con i miei alunni. Dico decisa perchè molte volte è capitato di uscire euforici da un corso di aggiornamento e poi non applicare nella realtà di tutti i giorni quanto appreso .La nostra scuola ha già predisposto in classe la lim ed il videoproiettore, manchiamo solo noi insegnanti per l'utilizzazione. Colgo infine l’occasione per porgere un affettuoso saluto e per fare i complementi al nostro insegnante Gregorio ,che con una pazienza non indifferente e tanta competenza,ci sta preparando per sostenere l’esame, senza risparmiare ripetizioni e consigli a noi docenti .

DATA 19/01/2013 17.35.30 - AUTORE vitoantonio_E038W

Data: 13/01/2013 - autore Vito A. Pavone (vitoantonio_E038W) Voglio riprendere in considerazione quello che in un precedente intervento ho segnalato come fattore positivo dell’uso della LIM nella didattica: la possibilità di aggregare risorse multimediali. Adesso voglio soffermarmi su quelli che potrebbero essere i risvolti negativi provenienti dalla possibilità di aggregare risorse multimediali diverse. In realtà è necessario porre particolare attenzione al rischio di produrre un sovradosaggio di informazioni. Secondo me, l’utilizzo delle metodologie ipertestuali per la presentazione di informazioni ha avuto, tra quelli positivi, un effetto negativo: diventa difficile per una persona che non è già abituata a farlo, focalizzarsi e concentrarsi su un singolo aspetto, per comprenderlo appieno e in profondità prima di passare ad altro. E non si può certo affermare che questa abilità sia già posseduta dallo studente. Anzi è provato che i bambini hanno grande difficoltà a rimanere concentrati su un’attività e saltano da una all’altra in pochi secondi. È proprio la scuola che pian piano abitua alla riflessione e alla concentrazione. Le metodologie che consentono percorsi ipertestuali, a differenza dei tradizionali percorsi lineari, rischiano di andare perciò nella direzione opposta. Questo non è un invito a non usare collegamenti e risorse multimediali, ma un voler porre l’attenzione consapevole su un rischio da correre per poterlo limitare/eliminare. Naturalmente non mi sfugge il fatto che questo non è un limite oggettivo della LIM, ma uno svantaggio che può derivare da un uso non adeguato di essa.

DATA 20/01/2013 16.05.39 - AUTORE Lisa

Salve! Finalmente oggi ho terminato definitivamente la stesura della mia tesina sulla Smartboard. Sono soddisfatta del lavoro che ho portato a termine: in esso ho cercato di mostrare teoricamente ed anche praticamente le varie modalità di utilizzo della LIM, dalla presentazione degli argomenti al creazione di esercitazioni di consolidamento per gli alunni, fino alla verifica di quanto essi hanno saputo acquisire. Voglio cogliere l'occasione per ringraziare di nuovo l'Assodolab per la grande opportunità formativa che mette a disposizione di tutti noi insegnanti e consigliare ai miei colleghi di approfittarne come ho già fatto io che sono seriamente intenzionata ad iscrivermi al corso di formazione relativo anche alle altre tipologie di LIM, certa che saranno altrettanto interessanti e formativi.

DATA 20/01/2013 18.23.12 - AUTORE Rossella_9C372C

Il vantaggio di una didattica innovativa, basata su strategie didattiche che tengano conto dei bisogni cognitivi dei “nativi digitali”, in grado di catturare la loro attenzione e di coinvolgerli in modo da rinforzare le loro motivazioni, anche con moderni strumenti tecnologici tra i quali risalta la Lavagna Interattiva Multimediale, deve fare i conti con una realtà che spesso si inserisce come ruggine tra gli ingranaggi dei processi di ammodernamento. Molto interessante e promettente il corso PON frequentato, - Obiettivo D: Accrescere la diffusione, l’accesso e l’uso della società dell’informazione nella scuola,- Azione 4: Iniziative per lo sviluppo della società dell’informazione attraverso i centri polifunzionali di servizio -Percorso formativo ICT per il personale della scuola, organizzato presso la mia Scuola di servizio, mi ha fatto scontrare contro alcune difficoltà di carattere pratico sormontabili, ma non per questo trascurabili. Infatti i software per le lavagne multimediali risultano essere estremamente restrittivi nella loro applicazione. Nella mia Scuola, così come in quasi tutti gli Istituti con i cui docenti mi sono confrontata, sono presenti LIM diverse che supportano software non compatibili tra di loro. Scegliere di lavorare con uno di questi condiziona le lezioni ad una aula specifica, con notevoli difficoltà organizzative se si pensa che le Scuole sono orientate a collocare la LIM in tutte le aule, e che queste LIM sono acquistate in momenti diversi e con progetti diversi, spesso costringendo le classi a “caroselli” fastidiosi nella ricerca della LIM compatibile. Altra difficoltà è legata alla velocità con cui vengono rilasciate nuove versioni dello stesso software per cui il docente che scarica dalla rete l’ultima versione, corre il rischio di preparare una lezione che non viene letta dal computer collegata alla LIM della Scuola, che meno frequentemente viene aggiornato per mancanza di personale disposto a dedicare del tempo a questo compito. Mi auguro che queste difficoltà vengano superate in modo da “lubrificare” e quindi rendere più agevole e “scorrevole” questo processo di ammodernamento della didattica.

DATA 20/01/2013 19.18.47 - AUTORE ornella960p

L’arrivo della LIM in classe ha sicuramente rivoluzionato la didattica, apportando un notevole contributo a migliorare le lezioni frontali che a volte fanno sbadigliare gli alunni. L’interattività che la lim offre riesce a catturare l’attenzione dell’alunno,a stimolarne la curiosità,a sapere di più sull’uso della lim e contemporaneamente dell’attività proposta dall’insegnante. Purtroppo,la mia scarsa preparazione e la poca assistenza tecnica, non mi hanno consentito di approfondire le conoscenze sulla lim.

DATA 20/01/2013 19.22.22 - AUTORE ornella960p

Il corso di formazione che sto frequentando attualmente sembra essere abbastanza esaustivo, poiché i dubbi da me espressi vengono chiariti immediatamente e praticamente. Nonostante l’ottima preparazione dell’esperto, penso che le mie conoscenze sulla lim siano ancora limitate perché continuo ad impostare le attività allo stesso modo, forse per paura di sbagliare o forse perché la mia lim spesso va in tilt per un motivo o per un altro, le mie buone intenzioni spero mi aiuteranno a migliorare poiché ritengo la lim uno strumento efficace per l’insegnamento-apprendimento.

DATA 20/01/2013 20.36.43 - AUTORE maria

La LIM è uno strumento molto innovativo per una nuova didattica, permette agli alunni di partecipare attivamente alla lezione rendendola più accattivante.

DATA 20/01/2013 21.39.50 - AUTORE Ornella

In una delle mie classi ho un alunno DSA; ho già frequentato dei corsi di aggiornamento sul tema, e poichè la LIM è uno degli strumenti che possono aiutare questi soggetti, (e non solo gli studenti DSA), sono maggiormente spinta ad intraprendere un uso quotidiano della LIM (finanziamenti permettendo!!!).

DATA 20/01/2013 22.08.04 - AUTORE Vittoria_H096Y

Insegno lettere in una scuola secondaria di secondo grado, ho seguito corso LIM BASIC perché pur essendo una docente anziana sono curiosa e particolarmente interessata all’innovazione tecnologica e alle sue ricadute sulla didattica. Il bilancio è positivo; ho seguito con interesse le lezioni,scoprendo di volta in volta tutte le potenzialità della Lavagna interattiva. Purtroppo non potrò sperimentarne immediatamente l'applicazione in classe, visto che solo in una delle aule in cui lavoro è montata una LIM ( mi dicono già superata) e comunque manca il computer e il proiettore. Ritengo che nell'attività didattica quotidiana,la LIM sicuramente potenzia il livello di attenzione del gruppo classe perché permette di presentare una molteplicità di contenuti utilizzando non più solo l'ascolto o la lettura individuale, ma anche la forza comunicativa di molteplici risorse multimediali (immagini, audio,video). L'utilizzo delle tecnologie a favore di tutta la classe e l’interattività, cioè la possibilità di accedere dalla classe e con la classe a tutte le risorse memorizzare nel computer e presenti in internet e di personalizzarle agendo sulla lavagna per costruire un efficace percorso di insegnamento/apprendimento mi sembra l’opportunità più innovativa.

DATA 20/01/2013 22.09.07 - AUTORE Vittoria_H096Y

Voglio riprendere in considerazione quello che in un precedente intervento ho segnalato come fattore positivo dell’uso della LIM nella didattica: la possibilità di aggregare risorse multimediali. La riflessione e l’esperienza che ho fatto durante il corso nel costruire percorsi di insegnamento/apprendimento mi hanno condotta ad individuare quelli che potrebbero essere i risvolti negativi provenienti dalla possibilità di aggregare risorse multimediali diverse. Secondo me, l’utilizzo delle metodologie ipertestuali per la presentazione di informazioni ha avuto, tra quelli positivi, un effetto negativo: il rischio di produrre un sovradosaggio di informazioni che impedisce all’alunno di focalizzarsi e concentrarsi su un singolo aspetto, per comprenderlo appieno e in profondità prima di passare ad altro. E’ provato che i ragazzi hanno grande difficoltà a rimanere concentrati su un’attività e saltano da una all’altra in pochi secondi. È proprio la scuola che pian piano abitua alla riflessione e alla concentrazione. Questo non è un invito a non usare collegamenti e risorse multimediali, ma un voler porre l’attenzione consapevole su un rischio da correre per poterlo limitare/eliminare. Naturalmente non mi sfugge il fatto che questo non è un limite oggettivo della LIM, ma uno svantaggio che può derivare da un uso non adeguato di essa.

DATA 20/01/2013 22.38.15 - AUTORE teresa302l

Sono una docente di scuola primaria. Insegno italiano, storia, matematica, scienze, tecnologia, arte e immagine, scienze motorie in una classe quarta. Credo fermamente nell'utilizzo delle nuove tecnologie applicate alla didattica in quanto capaci di catturare l'attenzione dei nostri alunni in modo multisensoriale. Limitarsi oggi ad improntare le lezioni esclusivamente attraverso il metodo tradizionale, equivale a voler rinunciare deliberatamente a sfruttare un canale privilegiato di comunicazione che ci permette di raggiungere i nostri obiettivi formativi in modo puntuale e completo. Per questa ragione ho deciso di frequentare dei corsi di aggiornamento sull’utilizzo della LIM, uno strumento indispensabile per la didattica in classe e posso ritenermi molto soddisfatta di questa mia scelta. Spero di acquisire le competenze necessarie ed utili per poter essere ‘’ tutor’’ per i miei alunni nell’acquisizione dell’uso di questo nuovo strumento ed avviarli, così, a farne un uso sempre adeguato a secondo delle diverse situazioni .

DATA 20/01/2013 22.40.32 - AUTORE teresa302l

La LIM si presenta come uno strumento utile agli alunni per assimilare i contenuti diventando protagonisti di un sapere che scaturisce dal confronto e dalla partecipazione. Il docente, al contrario, grazie alla LIM può ricoprire il ruolo di accompagnatore, mediatore e facilitatore del processo formativo valorizzando il singolo, i piccoli gruppi o il grande gruppo. L’ingresso della LIM in classe porta ad innovare in modo sostanziale il processo di insegnamento-apprendimento perché consente di presentare il “vecchio” in forma “nuova”, grazie all’utilizzo di un linguaggio multimediale ricco e articolato che consente di arrivare a tutti in forma diversa. Grazie ai contenuti multimediali e interattivi il docente cerca di dare una successione alle attività proposte alternando la spiegazione e la verifica con momenti di partecipazione attiva degli studenti. Innumerevoli sono i vantaggi che essa offre. Primo tra tutti la possibilità di salvare quanto creato sulla sua superficie e la trasferibilità dei prodotti in altri contesti. La LIM consente anche di richiamare con facilità passaggi che sulla lavagna tradizionale sarebbero già scomparsi per far posto ai successivi, mentre la possibilità di accedere ad internet potenzia in modo esponenziale la disponibilità di materiale da utilizzare.

Excel fa "tendenza"

Una analisi della funzione TENDENZA e delle sue possibili applicazioni

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT