Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: venerdì 17 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 174

DATA 02/12/2012 12.22.34 - AUTORE marilenag273a

Sono una docente di lettere della scuola secondaria di primo grado . Sto frequentando il corso sulla L.I.M. e ritengo la lim uno strumento valido ed efficace in quanto non impedisce la tradizionale lezione , come alcuni potrebbero pensare , ma al contrario la potenzia perchè permette di integrarla con molteplici strumenti multimediali.

DATA 02/12/2012 12.58.33 - AUTORE Renato_C

La frequenza al corso di informatica è molto importante, per la mia materia d’insegnamento, sia in forma teorica, che pratica. Io devo essere sincero, non sono molto esperto con il computer (figuriamoci ad usare la LIM), riesco ad usarlo in modo approssimativo, tanto è vero, che non riesco neanche a disegnare.

DATA 02/12/2012 12.59.05 - AUTORE Renato_C

L’Ing. Napolitano, nostro insegnante del corso, molto preparato e competente, ci riferisce, tante di quelle cose, usando anche termini in inglese, che io non sempre riesco ad essere attento alle sue lezioni. Spero ed anche mi auguro di poter apprendere pian piano tutte le cose. Grazie Prof.

DATA 02/12/2012 13.58.01 - AUTORE Amelia_F205G

La LIM è un ottimo strumento didattico per assecondare uno stile di apprendimento di tipo iconico e probabilmente più “sintetico” che “analitico”. Con un uso corretto e ottimale, seguendo il modo di costruire “sapere” del nostro cervello, che è reticolare, supera la divisione disciplinare “naturalmente”. Negli anni passati “creavo”, quando ne sentivo la necessità, ipertesti cartacei, su un argomento base: tutto era davanti agli occhi del ragazzo, su di un unico foglio, come su una schermata. Tuttavia, pur nella migliore delle intenzioni, il lavoro rimaneva piuttosto rigido: se alla classe fossero venuti in mente altri riferimenti? Come arricchire il testo nell’immediato? Questo con la LIM sarebbe stato semplice e subito possibile. Successivamente ho imparato ad usare Word per realizzare gli ipertesti ma essendo stata una sola esercitazione, un’opera prima e unica, non ne ricordo più bene la procedura; probabilmente ora, con il corso LIM, proverò a rispolverare le “antiche” nozioni e a metterle utilmente in pratica.

DATA 02/12/2012 13.58.44 - AUTORE Amelia_F205G

Penso che ci siano più pro che contro sull’uso didattico della LIM: anche solo la possibilità di catturare meglio l’interesse dei ragazzi, con un grande schermo, colori e immagini, oltre che con la scrittura, è importante con gli studenti di oggi, che oramai immersi nell’immediatezza e nella globalità dell’informazione richiedono una formazione globale e immediata. Tuttavia è fondamentale comprendere bene le potenzialità del mezzo per poterle sfruttare al meglio, altrimenti la LIM rischia di rimanere solo una sostituta più giovane della lastra di ardesia su cui col gesso bianco per anni gli insegnanti hanno cercato di visualizzare “sapere” e gli alunni alla fine delle lezioni hanno cancellato per riscrivere “scemo chi legge”. Sta a noi usare bene questo strumento e, da lezioni, le nostre, potranno diventare momenti di scambio vero, luoghi di innesco della chimica sinaptica, palestra di capacità.

DATA 02/12/2012 14.01.35 - AUTORE Lucia_A662S

Sono una docente di sostegno da dieci anni e ritengo che la LIM possa rivelarsi molto utile per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali. Essendo molto sensibile al tocco, infatti, consente agli studenti con problemi motori di eseguire in modo più rapido e facile gli esercizi assegnati. Si rivela ottima anche per gli allievi che evidenziano limiti nell'attenzione e nell'apprendimento: la modalità multimediale di presentazione e di fruizione dei contenuti, la possibilità di interazione e di reiterazione del materiale presentato, nonché l'opportunità di manipolare alcuni concetti astratti, rappresentano facilitazioni significative per discenti con questo tipo di disturbi. Inoltre questi ragazzi riescono a superare quella passività tipica di molti alunni in difficoltà e diventano più partecipi del processo di apprendimento: hanno la possibilità di intervenire più attivamente durante la lezione, di prepararsi in classe per lo studio che sarà fatto in un secondo tempo e di sentirsi uguali agli altri, migliorando il grado di autostima.

DATA 02/12/2012 14.02.19 - AUTORE Lucia_A662S

Già da qualche anno nella nostra scuola sono state montate le LIM in ogni aula. Fino a poco tempo fa pensavo che la penna, il libro, la lavagna , le fotocopie, il videoregistratore e il computer fossero gli strumenti più adeguati per insegnare. Da quando si usano le LIM, l'entusiasmo ed il coinvolgimento che i nostri alunni hanno dimostrato per questo nuovo strumento tecnologico, molto vicino ai videogiochi e al computer con i quali interagiscono quotidianamente, mi hanno fatto cambiare idea. La lezione del docente non si ascolta più in modo passivo, per poi studiare da soli sul libro, ma si collabora in maniera attiva nella costruzione di un argomento in modo interattivo. Con la lavagna multimediale è possibile mostrare ai discenti e usare software didattici, navigare in siti Internet, presentare video e interagire con gli stessi. Poiché l'insegnante deve essere in grado di gestire il materiale usato, per aiutare gli allievi a organizzare gli argomenti presi in considerazione, ho deciso di frequentare il corso tenuto dal Prof. Napolitano.

DATA 02/12/2012 14.05.15 - AUTORE MariaAntonietta_B180L

Penso che la LIM vada incontro alle esigenze psicologiche degli alunni di nuova generazione poiché, permette loro, di apprendere e comunicare con un mezzo interattivo strettamente legato al computer, che costituisce uno strumento indispensabile nella loro vita quotidiana in quanto, con esso i ragazzi giocano, leggono, scrivono, comunicano tra loro e studiano. Pertanto lavorerebbero con maggiore disinvoltura e con minor fatica. Inoltre credo che, l’uso della LIM possa rappresentare una strategia didattica, atta a catalizzare l’attenzione degli alunni in classe, poiché permetterebbe di visualizzare e semplificare dei concetti, a volte complessi, con immagini, video, colori e suoni, che stimolerebbero l’interesse e l’immaginazione dei ragazzi. Si potrebbe obiettare che, queste stesse funzioni possono essere svolte dal computer, con la LIM però, c’è il vantaggio di poter lavorare tutti insieme con lo stesso mezzo interattivo a differenza di quanto si faccia con il computer che richiede l’isolamento o al massimo un’aggregazione di due/tre persone. Possiamo quindi dire che la LIM favorisce la socializzazione nell’apprendimento da cui ne deriva una maggiore opportunità di collaborazione e crescita.

DATA 02/12/2012 14.06.06 - AUTORE MariaAntonietta_B180L

Ritengo che la LIM sia particolarmente indicata nell’insegnamento della lingua straniera per cui si richiedono delle abilità di “listening e reading comprehension” che nell’approccio didattico tradizionale vengono coadiuvate da immagini di vignette poste sui libri di testo. La LIM permetterebbe di andare oltre l’immagine animandola e rendendo così le scenette di situazioni più stimolanti e coinvolgenti. Tra l’altro i nuovi libri di testo sono corredati da DVD e CD predisposti alla suddetta funzione e dai quali a volte non si può prescindere nello svolgimento della lezione. Tuttavia ritengo che rimanga fondamentale il ruolo dell’insegnante il quale deve integrare una buona e opportuna spiegazione ai fini di un valido risultato didattico. A questo proposito, temo infatti che i mezzi interattivi, inclusa la LIM, possano diventare una opportunità di delegare ad una macchina la funzione dell’insegnante che è a mio avviso insostituibile. Per evitare di incorrere in tale inconveniente, penso che si debbano impostare le lezioni in modo tale da utilizzare la LIM come il mezzo e non come il fine per il raggiungimento degli obiettivi didattici prefissati.

DATA 02/12/2012 14.09.53 - AUTORE MariaConcetta_C978J

Sono un’insegnante di Scuola Secondaria di I grado che, secondo la vecchia normativa, quest’anno completava il suo iter lavorativo per poi godersi la meritata pensione per cui, quando circa due anni fa vidi installare nelle mie aule le LIM pensai ad un ulteriore elemento di distrazione che comunque non avrei visto in funzione e utilizzato. Lo scorso anno, forse anche a causa della mancanza di docenti capaci di utilizzare bene lo strumento e di insegnarlo agli altri e bravi formatori, le ho considerate come un arredo in più che di tanto in tanto potevo usare nelle mie lezioni come lavagna senza sporcarmi con il gesso o con i pennarelli. Nel frattempo la mia pensione si allontanava e si poneva la domanda: che fare della LIM?

DATA 02/12/2012 14.10.26 - AUTORE MariaConcetta_C978J

Oggi credo che la LIM possa agevolare e ottimizzare il mio lavoro. Voglio imparare il più possibile: dall’accensione all’utilizzo e da questo allo spegnimento. Come docente devo essere, se non un passo avanti, almeno alla pari degli alunni che di questo strumento sembrano attratti anche se per loro è soprattutto uno “schermo gigante” per vedere film, consultare pagine web, copiare schemi riassuntivi. La partecipazione al corso per me è finalizzata a “creare” lezioni che possano far acquisire più facilmente conoscenze e competenze proprie della mia materia, la matematica, per cui spesso ricorro a modelli che mi impegnano molto tempo nella ricerca e nella realizzazione. Vorrei anche utilizzare la LIM per appassionare i ragazzi alla matematica come scienza non avulsa dalla realtà e relegata alla funzione di calcolo, perché sono straconvinta che le difficoltà e gli insuccessi dei nostri alunni (tranne casi patologici!) vengono quando non riusciamo a interessarli, a guidarli nella scoperta e a invogliarli ad andare oltre.

DATA 02/12/2012 17.11.53 - AUTORE marialetizia_9G273J

Ho prodotto il mio primo lavoro per la LIM con il programma Easy board e, come già riferito da altri colleghi, dopo avere salvato il file, nel momento in cui l’ho riaperto ho trovato tutto spostato, alcune parti cancellate ed altre lettere (anche strani geroglifici) aggiunte in coda. In conclusione le ore di lavoro impiegate sono state totalmente inutili perché il mio prodotto in diverse parti è illeggibile. Ho provato più volte a correggere e salvare nuovamente, ma sempre con i medesimi risultati. Il problema comunque è legato al programma che ci è stato fornito e non certo alla LIM che anzi ho già utilizzato in classe, con grande gioia degli alunni, per far vedere alcuni dischetti forniti dalle case editrici.

DATA 02/12/2012 17.43.28 - AUTORE ROSA_L049U

Dopo la frequenza del corso LIM Basic sono ancora più convinta delle grandi potenzialità dell'utilizzo della LIM nella didattica. È uno strumento sia nelle mani del docente che degli studenti. La possibilità di utilizzare materiali didattici multimediali e interattivi, utilizzando innumerevoli fonti e risorse digitali, è una sfida nuova perché "obbliga" a far entrare nella scuola l’uso di linguaggi nuovi e nuove risorse per rendere ancora più efficace l’azione di insegnamento. Il valore aggiunto sta nella possibilità di interagire facilmente e direttamente con i contenuti rendendo sempre più attivo il ruolo degli studenti nel processo di apprendimento.

DATA 02/12/2012 19.48.42 - AUTORE toninaG273M

Il corso si è appena concluso e adesso tocca a noi. La lavagna offre molte opportunità. E’ possibile strutturare la lezione in modo non convenzionale, più stimolante. Se si ha una connessione ad internet si possono scaricare informazioni, immagini. Si può archiviare la lezione per modificarla e riutilizzarla in altri momenti, condividerla con altri colleghi. E ancora altro … Tanto lavoro e impegno ma l’entusiasmo dei ragazzi in classe ci ripaga spesso di ogni fatica.

DATA 02/12/2012 20.49.17 - AUTORE gregory0351A

Oggi le LIM si diffondono sempre di più in tutte le scuole di ogni ordine e grado, fornendo agli insegnanti uno strumento innovativo per la didattica e potenzialmente efficace. L’educazione all’utilizzo delle nuove tecnologie nel campo dell’istruzione spesso non è semplice da attuare, soprattutto quando tale trasformazione viene vissuta con diffidenza e, talvolta, con un pizzico di pregiudizio dagli operatori del settore, ovvero gli insegnanti. Il rischio è quello di non cogliere l’opportunità di adoperare un nuovo modello di insegnamento alternativo (e non sostitutivo) che possa coinvolgere maggiormente i discenti alle varie discipline, infondendo loro un maggiore entusiasmo ed una maggiore voglia di partecipare all’attività educativa, anche attraverso l’uso del mezzo tecnologico. Gli insegnati, dunque, dovrebbero avvicinarsi con interesse crescente alla lavagna interattiva multimediale, senza snaturare il proprio modo di condurre le attività didattiche in aula, facendo coesistere le proprie abitudini di insegnamento con le nuove esigenze di cambiamento legate alle innovazioni tecnologiche del settore.

DATA 02/12/2012 20.50.40 - AUTORE gregory0351A

L’avvento della lavagna interattiva multimediale pone il problema di acquisire, principalmente, due competenze essenziali al suo utilizzo: 1) competenze specificatamente legate all’aspetto funzionale, quale l’avvio del sistema, l’utilizzo del computer e del software della LIM; 2) competenze sulle strategie didattiche da utilizzare per servirsi in modo efficace della LIM. Pertanto, gli esperti che hanno il compito di formare gli insegnanti per l’utilizzo della lavagna interattiva multimediale, dovrebbero essere in grado sia di fornire loro le conoscenze necessarie relative all’aspetto funzionale del mezzo (software di utilizzo compreso), che di fare degli esempi concreti sulle strategie di metodo che riguardano l’aspetto didattico connesso all’utilizzo stesso della LIM.

DATA 02/12/2012 20.53.35 - AUTORE enzaL951B

Siamo quasi agli sgoccioli!Questo primo corso base sta finendo ed io sono sempre più convinta che le innumerevoli potenzialità della LIM e in generale il congruo utilizzo delle nuove tecnologie multimediali siano un’enorme risorsa per garantire ad ogni alunno il successo formativo. Vorrei solo poter mettere in pratica,insieme agli alunni, quanto ho appreso e scoperto giorno dopo giorno.

DATA 02/12/2012 22.56.34 - AUTORE Ivana

Rientro nel forum dopo un'assenza forzata in quanto avevo dimenticato la mia password. Non è che adesso l'abbia ricordata... è stato necessario registrarmi nuovamente...sig. Così il mio post con N. 309 non lo vedo più, forse quelli vecchi vengono cancellati? Leggendo qua e là i vostri contributi, cari colleghi, le impressioni che colgo sulle esperienze condotte sono molto positive; d'altro canto anch'io mi ritengo una sostenitrice della didattica multimediale. l'interattività necessita sempre di essere saggiamente mediata dall'insegnante, ma almeno la partecipazione degli alunni è garantita da una variabile non di poco conto: il fascino inconfutabile del digitale. Io insegno in una scuola primaria, in cui è più che mai importante tenere vivo l'interesse per ottenere i risultati desiderati. Con l'uso delle LIM e con la nuova metodologia interattiva, questi risultati sembrano più vicini.

DATA 03/12/2012 15.31.25 - AUTORE simona_g273a

Mi sono ricreduta rispetto all'utilità della Lim nella scuola, in precedenza credevo che l'investimento fosse troppo dispendioso per il settore data la crisi economica del paese e tutti i tagli alla scuola. Mi indisponeva pensare ad un investimento cosi innovativo del Ministero di fronte ai tanti tagli di personale e di economie indispensabili per far funzionare il tutto . Oggi devo dire che è uno strumento adatto al mio desiderio di fare scuola in una certa maniera, stando al passo con tempi tecnologici sempre piu cavalcanti. Il suo uso è parecchio intuitivo se si posside una buona base di competenze nell'uso delle tic.

DATA 03/12/2012 16.16.21 - AUTORE SERENA_H096L

L’introduzione della lim nelle aule non modifica il modo di far lezione, ma lo arricchisce per presentare alcune lezioni che, altrimenti, risulterebbero noiose per gli alunni. Infatti, uno dei vantaggi della lim è quello di poter utilizzare un linguaggio più vicino a quello dei ragazzi di oggi. Certo la lim non lascia spazio alla improvvisazione: le lezioni vanno predisposte e preparate in modo organico e devono anche essere aperte alle eventuali sollecitazioni e richieste degli alunni.

Excel fa "tendenza"

Una analisi della funzione TENDENZA e delle sue possibili applicazioni

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT