Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: lunedì 20 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 224

DATA 28/02/2013 16.52.03 - AUTORE Davide

Entrando nel merito di questi corsi devo dire che il punto dolente è la disomogeneità nella preparazione iniziale e nella motivazione che spinge gli insegnanti a partecipare. Alle volte, poi, alcuni insegnanti partecipano ai corsi sulla LIM attratti dalla possibilità di usarla in classe e di migliorare l'appeal delle loro lezioni, senza però possedere quei prerequisiti di informatica di base necessari per usare proficuamente questo strumento. Le possibilità offerte sono molto vaste e spesso il limite è solo la nostra fantasia!

DATA 28/02/2013 16.56.24 - AUTORE Donatella Giuffrida

Sono un'insegnante di Geografia ed insegno in un istituto superiore.Mi sono iscritta ad un corso sulla LIM perchè penso che oggi conoscere le nuove tecnologie sia il modo migliore per rendere la lezione più piacevole ed interessante.Donatella Giuffrida

DATA 28/02/2013 17.00.56 - AUTORE antonella

Ciao, sono Antonella tutor del corso Pon D1 della mia scuola. Sono molto soddisfatto dei corsisti che hanno partecipato con interesse e hanno ampliato le loro competenze per la loro didattica.

DATA 28/02/2013 17.02.08 - AUTORE Donatella Giuffrida

Oggi le nuove tecnologie applicate alla didattica,non servono solo agli alunni,ma danno un imput ai docenti,soprattutto a quelli di "vecchia generazione"che grazie al PC,alla LIM,ecc.si trovano a dover acquisire nuove competenze che portano a dover modificare la vecchia didattica e a ridare un nuovo stimolo all'insegnamento. Donatella Giuffrida

DATA 28/02/2013 17.06.36 - AUTORE antonella

Sono un'insegnante di tecnologia molto appassionata delle tecnologie informatiche ma anche delle tecnologie alimentari. Con il mio insegnamento cerco di instradare i miei allievi all'uso corretto del computer e soprattuttto di internet senza trascurare l'uso corretto dei cibi.

DATA 28/02/2013 18.16.32 - AUTORE PIERA SCHIAVONE

Lim e DSA - La LIM rappresenta un efficace strumento di condivisione, aiuta il docente a coinvolgere i ragazzi attraverso la partecipazione, consente di memorizzare e riusare i contenuti; attraverso l’interattività e la multimedialità è possibile rafforzare la valenza didattica. La LIM consente al docente di aiutare ragazzi con DSA con perché permette: LA STIMOLAZIONE DELLE CAPACITA’ METACOGNITIVE LA LETTURA CONDIVISA per comprendere ed analizzare LA MANIPOLAZIONE DEI TESTI per studiare LA MANIPOLAZIONE DEL TESTO per scrivere LA LAVAGNA COME MEMORIA:salvataggio e registrazione della lezione Come organizzare una lezione con la LIM a vantaggio di ragazzi con DSA? Sarà opportuno stare attenti a: 1.leggibilità dei caratteri 2. visibilità dei caratteri 3. coerenza dei caratteri 4. contrasto testi/sfondo 5. corretto dosaggio dei colori 6. spazio ai contenuti 7 esposizione chiara 8. sintesi dei concetti 9.utilizzo di elementi interattivi 10. coerenza nella struttura

DATA 28/02/2013 18.32.30 - AUTORE FRANCESCO

Le caratteristiche dei contenuti di una lezione con la LIM - I contenuti per la LIM risultano più efficaci se non pensati come testi “chiusi” destinati alla sola lettura o fruizione. Per la loro progettazione è necessario: • prevedere spazi bianchi da riempire in classe con il coinvolgimento degli studenti (esercizi e mappe concettuali da completare) • utilizzare le risorse a fini esplicativi, ma stimolare la discussione in classe, la formazione di ipotesi… • Evitare contenuti che “fanno tutto da soli” in classe c’è l’insegnate e ci sono gli alunni che devono interagire • Progettare non solo successione di argomenti, ma percorsi reticolari che lascino spazio a logiche associative più ampie • utilizzare immagini e animazioni per favorire l’apprendimento • Prevedere sempre pause per porre domande che stimolino la riflessione

DATA 28/02/2013 18.36.43 - AUTORE mariella

Partecipare al corso LIM è stata per me un'occasione per aprirmi a nuovi stimoli, necessari nel mio lavoro perché ho a che fare con una realtà in continuo cambiamento al quale, come docente, devo adeguare la mia azione educativa. Insegnare non vuol dire solo trasmettere contenuti, ma porsi il problema di come farlo affinché questi arrivino a destinazione e creino conoscenze, abilità e competenze. A tal proposito la LIM potrebbe rappresentare un "veicolo" adatto a tale trasmissione per una generazione abituata al supporto informatico. La Lim è senz'altro uno strumento efficace che offre varie attività per l'insegnamento-apprendimento, dà la possibilità di creare, di colorare qualsiasi lezione di qualsiasi disciplina. Essa può essere considerata uno strumento collaborativo, nel senso che l’insegnante non è costretto a stare perennemente alla lavagna, ma pone il contenuto al centro della spiegazione potendo in questo modo tenere sotto controllo tutti i membri della classe. Inoltre, proprio per il suo essere uno strumento di rimediazione del contenuto, si può utilizzare questa caratteristica per coinvolgere quegli stili di apprendimento così diversificati in una classe odierna. Oltre a ciò, con la LIM, avendo la possibilità di prendere appunti direttamente sul dispositivo, si può utilizzare questa caratteristica, per esempio, per mostrare come si evidenzino parole importanti del testo, come s’individua un particolare di un’opera d’arte, come si svolga un esercizio evidenziando con colori diversi i passaggi importanti.

DATA 28/02/2013 18.45.30 - AUTORE mariella

La Lim sfrutta tutte le potenzialità che i mezzi digitali ci mettono a disposizione, cioè tutti quei programmi e quelle applicazioni che un PC ha a disposizione. E’ uno strumento che permette all’insegnante di amplificare e rafforzare il significato dei vari contenuti, di rendere ancor più collaborativo l’apprendimento, permette di sfruttare tutti i canali della sensorialità dei ragazzi per raggiungere la loro mente e migliorare l’attenzione, la motivazione e l’apprendimento. Durante il corso che sta per concludersi, mi sono divertita ed entusiasmata a creare dei lavori ed un’ unità di apprendimento utilizzando le varie funzioni del programma. Inoltre ho scoperto, mediante l’uso della LIM, che è possibile manipolare testi, immagini, filmati, animazioni, navigare in rete e correggere verifiche in modo collettivo, ma occorre tempo per organizzare bene il lavoro.

DATA 28/02/2013 19.25.06 - AUTORE anita fulco

Sono una docente di scienze naturali, ringrazio Assodolab e i docenti formatori del corso perché mi hanno permesso di conoscere le numerose interazioni e risorse della Lim studiate attraverso il software easiteach. Interessanti le funzioni modalità vetro, l’icona effetti speciali con i suoi sottomenu e il tasto “ cloze”. Il corso è stato molto coinvolgente.

DATA 28/02/2013 19.26.51 - AUTORE anita fulco

Sono stata molto soddisfatta delle lezioni che ho frequentato sul software easiteach. E’ un software che permette di interagire con tutti gli studenti anche quelli più distratti e svogliati. Preparare una lezione con la Lim richiede certamente più tempo, rispetto alla lezione tradizionale, ma è sicuramente più soddisfacente la risposta da parte degli alunni

DATA 28/02/2013 19.43.16 - AUTORE Annamaria

La frequenza di questo corso sta risultando sempre più appassionante perché mi sta permettendo di aggiornare la mia preparazione e di unire alle competenze tradizionali, consolidate da anni di esperienza didattica, quelle tecnologiche. Il sistema interattivo che la LIM consente permette quell’apertura della scuola al mondo esterno che da tanti anni si sta ricercando e mette a disposizione dell’insegnante attento ed aggiornato tutta una serie di strumenti che renderanno attivo ed efficace l’insegnamento. Un altro aspetto interessante che vorrei sottolineare è anche la possibilità di creare un’effettiva collaborazione degli insegnanti dei vari dipartimenti disciplinari se solo si avrà la voglia, l’intelligenza e la capacità di creare una sorta di banca dati a cui ogni insegnante di ciascuna scuola potrà attingere per realizzare un lavoro in equipe e in sinergia con i colleghi, spendibile a favore degli alunni, per il miglioramento dell’offerta formativa.

DATA 28/02/2013 19.49.30 - AUTORE Annamaria

La frequenza di questo corso sta risultando sempre più appassionante perché mi sta permettendo di aggiornare la mia preparazione e di unire alle competenze tradizionali, consolidate da anni di esperienza didattica, quelle tecnologiche. Il sistema interattivo della LIM permette quell’apertura della scuola al mondo esterno che da tanti anni si sta ricercando e mette a disposizione dell’insegnante, attento ed aggiornato, tutta una serie di strumenti che renderanno attivo ed efficace l’insegnamento. Un altro aspetto interessante che vorrei sottolineare è anche la possibilità di creare un’effettiva collaborazione degli insegnanti dei vari dipartimenti disciplinari se solo si avrà la voglia, l’intelligenza e la capacità di creare una sorta di banca dati a cui ogni insegnante di ciascuna scuola potrà attingere per realizzare un lavoro in equipe e in sinergia con i colleghi, spendibile a favore degli alunni, per il miglioramento dell’offerta formativa.

DATA 28/02/2013 21.28.26 - AUTORE Giovanna_B180G

Mi chiamo Giovanna Epifani e insegno matematica nell’Istituto di Istruzione Superiore De Marco- Valzani. Sto frequentando il corso LIM per imparare ad usare la lavagna interattiva visto che nella mia scuola è presente in molte aule. Credo che la LIM sia uno strumento utile per rendere la lezione diversa dal solito e per stimolare la curiosità e l’interesse degli studenti. Certamente la tecnologia può contribuire in modo significativo al processo di apprendimento. Non si può ignorare che i nostri studenti siano abituati a ricavare ed interpretare informazioni attraverso canali multimediali. La LIM è quindi un mezzo adeguato alla loro forma mentis. Bisogna però sottolineare che la LIM non può essere sostitutiva del libro e della scrittura poiché essa è uno strumento notevole per lo sviluppo delle capacità cognitive, ma queste si basano e si baseranno sempre sulla padronanza della lingua scritta e della comunicazione diretta, fulcro dell’attività di analisi attiva e personale “creativa” dello studente, che deve essere non solo “spettatore” dell’attività didattica, ma “attore” stesso.

DATA 28/02/2013 21.31.28 - AUTORE Giovanna_B180G

L’avvento improvviso e “massiccio” di tecnologia non è “la soluzione” e neppure apre problemi nuovi, piuttosto evidenzia la necessità di programmazione e l’urgenza di formazione e aggiornamento. Proprio per questo motivo ho deciso di seguire il corso organizzato nella mia scuola (IISS “De Marco - Valzani”) per imparare ad usare questo strumento che racchiude in un unico oggetto le principali tecnologie didattiche precedentemente utilizzate (video proiettore, videoregistratore, televisione, computer), stimolando, oltre ad un apprendimento di tipo uditivo (possibilità di inserire suoni, registrazioni di voci narranti, musiche) anche e soprattutto un apprendimento di tipo visivo. I punti di forza della LIM consistono nella chiarezza degli stimoli, nelle dimensioni delle immagini, nella presenza di uno schermo dinamico, nella possibilità di creare, spostare, recuperare e salvare una grande quantità di risorse. Penso che se la LIM venisse usata dopo i percorsi didattici tradizionali costituendone una estensione (con la possibilità di ricorrere ad immagini, esercizi, esemplificazioni) allora potrebbe sostenere e supportare la “normale” didattica. Per sfruttare al meglio le potenzialità di questo strumento credo però che sia necessario non sovraccaricare la lezione con un numero eccessivo di stimoli. Naturalmente tutto è da provare e sperimentare: il dubbio è che la LIM possa favorire un apprendimento più veloce ma più superficiale.

DATA 28/02/2013 22.09.18 - AUTORE milena

Salve, sono Milena Bianco e sono soddisfatta del corso LIM tenuto dall'esperto Di Fiore e dal tutor Peppe Manna..molto simpatici i miei colleghi con cui ho condiviso il percorso,in bocca al lupo a tutti!

DATA 01/03/2013 9.19.08 - AUTORE chiara60

Sono Chiara ed insegno italiano e storia,questo corso mi è servito molto nell'insegnamento delle discipline,adottando le nuove tecnologie.

DATA 01/03/2013 9.36.19 - AUTORE madda

Il corso è stato molto interessante e ha offerto a tutti noi validi spunti di riflessione sulla didattica e sull'utilizzo della tecnologia in aula.

DATA 01/03/2013 9.56.05 - AUTORE madda

Le caratteristiche più evidenti della LIM sono la multimedialità e l'interattività. Inoltre, sfruttando il potere dell'immagine, stimola gli allievi ad essere più attenti e a potenziare la memoria. Sottolineando che il libro e la scrittura non possono essere sostituiti, trovo la LIM molto utile soprattutto in determinati interventi didattici.

DATA 01/03/2013 10.01.21 - AUTORE gaetana_g098s

Ciaoa tutti,la LIM è un ottimo strumento anche per gli alunni disabili ed in particolare per i DSA , in quanto può essere considerato un ottimo strumento compensativo . Secondo Maria Stella Gelmini gli strumenti compensativi, parlando di dislessia e dei DSA, sono "quegli strumenti che permettono di compensare difficoltà di esecuzione di compiti automatici derivanti da una disabilità specifica mettendo il soggetto in condizioni di operare più agevolmente". Gli strumenti compensativi permettono quindi di raggiungere un buon grado di autonomia, cioè danno la possibilità di leggere, quindi di informarsi, apprendere e comunicare senza necessariamente dipendere da un mediatore. Gli strumenti informatici sono dunque gli strumenti che oggi meglio consentono di trasformare tutto il materiale cartaceo in audio e ed è per questo che è potenzialmente sono i migliori strumenti compensativi, poiché bypassano il problema specifico di lettura. Nei primi anni di scolarizzazione lo strumento compensativo dovrà supportare molto nella fase di scrittura, meno in quella di lettura, visto che la necessità di studiare in maniera autonoma non è ancora importante, mentre l'incoraggiamento nella produzione scritta è fondamentale. In una seconda fase oltre ad essere ancora rilevante la necessità di supporto in fase di scrittura inizia a diventare rilevante anche la necessità di supporto in fase di lettura. Nell’ultima fase diventa sempre più rilevante il bisogno di lettura inteso come studio autonomo, mentre diventa meno rilevante il bisogno compensativo in fase di scrittura, abilità che può essere supportata efficacemente anche dall'utilizzo di strumenti non specifici. Questo schema è naturalmente una semplificazione, poiché ogni alunno ha esigenze individuali. La LIM in ogni fase ed a seconda delle esigenze specifiche offre alcuni possibili percorsi educativi inerenti la letto-scrittura e comprensione del testo, utilizzando poi software specifici per i DSA i risultati saranno ancora migliori per affrontare le diverse difficoltà .

Excel fa "tendenza"

Una analisi della funzione TENDENZA e delle sue possibili applicazioni

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT