Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: giovedì 23 novembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

La Lavagna Interattiva Multimediale: i pro e i contro...

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche... Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente sin dalla scuola dell'infanzia. Spesse volte gli alunni sono più preparati degli insegnanti perché utilizzano il computer con disinvoltura tanto da dover far uso di Chat, Forum, Blog e quant'altro viene immesso in "rete" senza pensarci due volte. Molti sono i docenti che si aggiornano su queste nuove tecnologie ma molti sono ancora all'oscuro di quanto sta avvenendo, porgendo la lezione come si faceva 50 anni fa. Ritengo che i docenti hanno l'obbligo di tenersi informati sulle nuove tecnologie didattiche e padroneggiarle, altrimenti si cade nel ridicolo appena uno studente porge una domanda mirata nel campo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Proprio per questi motivi, il Consiglio nazionale di presidenza dell'ASSODOLAB, www.assodolab.it ha votato favorevolmente per iniziare e portare avanti questo discorso sulle LIM - Lavagna Interattiva Multimediale: da una parte il corso di formazione e aggiornamento rivolto a tutti i docenti, dall'altra la LIM CERTIFICATE ®, equiparabile ad una «patente europea della LIM». La LIM CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato per la formazione e l'aggiornamento degli insegnanti sulla Lavagna Interattiva Multimediale. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la LIM CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi che frequentate i nostri corsi Basic, Intermediate e Advanced, buon lavoro e se avete qualche dubbio, postate pure il vostro scritto, tanto non costa nulla e ci sarà sempre colui che risponderà al vostro messaggio. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 10/02/2010 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 7749

COMMENTI - PAGINA 212

DATA 01/02/2013 16.47.33 - AUTORE graziellar.

La LIM si può considerare come una finestra aperta sul mondo, uno strumento in grado di centrare al meglio le necessità didattiche della lezione: da un lato si lavora su un percorso multimediale progettato e condotto dall’ insegnante, dall’ altro è possibile far interagire gli alunni e consentire loro di raggiungere gli obiettivi prefissati mediante quegli stessi aspetti che rischiano di essere soffocati,ossia la loro creatività, spontaneità e idee. La LIM permette di risparmiare tempo, energie e l’impiego dispersivo di più materiali didattici differenti in contemporanea. Permette quindi di entrare nel vivo dell’esperienza, di visualizzarla e modificarla, sia a piacimento, sia secondo le necessità didattiche. La LIM introduce in classe la tecnologia come elemento di realtà e complessità, che però necessita di una guida: si afferma così il ruolo del docente che stabilisce il percorso da svolgere e la modalità di impiego del materiale. La LIM non sostituisce la carta (quaderno, foglio e libro), la matita, la penna e i colori e neanche rappresenta una “scorciatoia” alle fatiche. Semplicemente permette di acquisire, in modo più diretto, quanto proposto e richiesto dall’ insegnante. Permette di seguire e di comprendere meglio le fasi della lezione, di essere più partecipi alle spiegazioni dell’insegnante, di acquisire maggiormente i contenuti e il senso di quanto proposto, di “visualizzare” l’argomento trattato.

DATA 01/02/2013 16.56.59 - AUTORE graziellar.

Rieccomi al mio secondo intervento sul Forum. Credo che si debba considerare la LIM come occasione per una formazione innovativa, come sistema di azioni culturali che da semplice strumento può diventare rete di circolazione di idee e comunicazione. Se uno strumento nuovo viene usato come uno precedente le novità comunicative e culturali sono qualcosa di circoscritto. Se la LIM viene usata come uno schermo da videoproiettore possiamo risparmiarcene la spesa. Se non viene organizzata in un contesto metodologico, che metta in gioco strategie pedagogiche e significati è un'occasione innovativa persa. La LIM porta con sé spazi qui ed ora, insieme a spazi visivi in differita, insieme a luoghi di astrazione. Sta in ciò la sua potenza di convergenza tra consumo, fruizione, interazione, scenario, elaborazione individuale e collettiva. Non inevitabilmente la sua multimedialità è fonte di cambiamento profondo nella conoscenza, essa sviluppa cambiamenti a lungo termine nelle conoscenze e nelle memorie procedurali quando risponde ad un progetto, quando passa da una situazione di consumo ad una creazione sociale di cultura. Per concludere, l'esperienza mi fa dire che l'informatica, in generale, è l'evoluzione a disposizione dei saperi e che la Lim contribuisce a rafforzare questo mio modo di pensare.

DATA 01/02/2013 20.02.09 - AUTORE Maria

Ciao a tutti, sono un'insegnante di Scuola Primaria e ho frequentato un corso di formazione sull'uso della LIM. Tanti sono i motivi che mi spingono ad imparare ad usare la Lim in classe, primo fra tutti il fatto che i nostri alunni sono dei "Digital native" e continuare a proporre una didattica "vecchia" abbassa notevolmente la soglia del loro livello di attenzione.

DATA 02/02/2013 16.22.55 - AUTORE Angelica

La LIM svolge un ruolo chiave per l' innovazione della didattica poichè consente di integrare le Tecnologie dell' Informazione e della Comunicazione nella didattica in classe.

DATA 02/02/2013 16.29.34 - AUTORE Angelica

La LIM coniuga la forza della visualizzazione e della presentazione tipiche della lavagna tradizionale con le opportunità del digitale e della multimedialità. Gli studenti avvertono la LIM vicina al loro modo di comunicare e di accedere alle informazioni.

DATA 02/02/2013 16.39.41 - AUTORE ersilia

Ciao a tutti. Mi chiamo Ersilia e insegno in una scuola elementare di Portopalo di C. P. (SR). Ho iniziato a vedere come funziona la LIM grazie all'aiuto di un docente di una scuola superiore che si è messo a disposizione per farci capire come utilizzarla. Il settore delle nuove tecnologie mi preoccupa un pò per l'uso limitato che ne ho fatto. Sono ansiosa di usare la LIM per le mie lezioni. Insegno ambito antropologico, storia e geografia. Spero di imparare al più presto ad utilizzarla in modo appropriato.

DATA 02/02/2013 22.03.49 - AUTORE cirinocostanzo

La Scuola cambia. Non sono solo i programmi ministeriali ad essere modificati ma anche il modo di porgere le unità didattiche. Oggi giorno stiamo assistendo ad una rivoluzione informatica non indifferente. La LIM si puo’ definire uno strumento che consente di creare sempre presentazioni dinamiche e interattive; concede di salvare la lezione scritta sia su pendrive che sulla rete scolastica; - ammette di condividere lezioni e conoscenze fra docenti della stessa disciplina o discipline affini per realizzare lezioni interdisciplinari organiche e ben articolate; - favorisce il lavoro attivo e collaborativo, permette di esprimersi con “ un linguaggio” più vicino all’attuale generazione di studenti definiti nativi digitali, aumentandone partecipazione e interesse; - accorda la concretizzazione di una lezione spalmata sulle suggestioni provenienti da esempi o quesiti posti dagli alunni senza perdere di vista gli obiettivi prefissati - garantisce un buon esito di apprendimento se impiegata nelle attività a sostegno degli alunni portatori d’handicap o a supporto agli alunni in difficoltà assicurando attività di recupero extracurriculare con lezioni diversificate da quelle frontali.

DATA 03/02/2013 19.46.38 - AUTORE Annalisa

Ho letto un libro per bambini molto bello dal titolo "Il mago delle formiche giganti. La dislessia a scuola: tutti uguali, tutti diversi” che narra le avventure di una classe composta da bambini diversi tra loro: c’è il bello, la grassoccia, la magra e il dislessico. Il libro aiuta a riflettere sulla diversità intesa come normalità, ma soprattutto come risorsa e non di certo come limite. Agatha Christie, Albert Einstein, Anthony Hopkins, Carlo Magno, il re di Svezia Carlo XVI, Galileo Galilei, George Washington, Hans Christian Andersen, Henry Ford, Isaac Newton, John F.Kennedy, Leonardo da Vinci, Napoleone Bonaparte, Nelson Rockfeller, Pablo Picasso, Quentin Tarantino, Thomas A.Edison, Walter Disney, Winston Churchill, solo per citarne alcuni, ognuno passato alla storia per il suo “unico” e quindi “diverso” valore, andavano trattati con i guanti bianchi? Permettetemi una chiusura forse banale, ma di certo spesso dimenticata, il “diverso” sono io, sei tu che leggi, siamo tutti!

DATA 03/02/2013 22.54.53 - AUTORE silvana

Salve!Mi chiamo Silvana e sono un'insegnante della scuola primaria.Ammetto di essere un po' restia verso il mondo della tecnologia ma le lezioni didattiche svolte con la LIM mi hanno affascinata!

DATA 04/02/2013 13.00.05 - AUTORE Maria

Ciao sono Maria… Sono un'insegnante di scuola primaria… Credo di essere abbastanza pratica nell'uso del pc e quanto prima spero di poter utilizzare al meglio la LIM... Sono sicura che la lezione fatta sulla LIM appassionerà di più i nostri bambini e di sicuro saranno interessati alla nostra lezione!

DATA 04/02/2013 18.35.57 - AUTORE maria676E

Sono un'insegnante di scuola primaria. Le mie conoscenze in fatto di tecnologie non sono molto approfondite,ho voluto,tuttavia,frequentare il corso di formazione organizzato dalla mia scuola sull'uso della LIM in classe,perchè ritengo sia di una certa utilità in quanto permette di dialogare con gli alunni in un linguaggio a loro molto familiare. La possibilità,poi, di poter scrivere,disegnare,allegare immagini,visualizzare testi,riprodurre video o animazioni su una superficie interattiva e intervenire direttamente nella personalizzazione dei file presenti sullo schermo credo possa essere di ausilio alla didattica della classe. La lavagna digitale potrebbe essere la soluzione per risolvere le difficoltà di apprendimento e di attenzione degli alunni.

DATA 04/02/2013 19.04.20 - AUTORE maria676E

Ho seguito il corso sull'uso della LIM ed è doveroso alla fine trarre delle conclusioni. L'ho trovato molto interessante e soprattutto utile per migliorare le mie conoscenze su questo strumento,anche perchè,in una scuola che cambia,se si vuole operare nella didattica,al passo con i tempi,ci si deve adeguare. La LIM è sicuramente uno strumento didatticamente molto utile per mantenere più alta l'attenzione dei bambini,per arricchire le loro conoscenze e soprattutto per aiutare quegli alunni che hanno bisogno di supporti visivi per interiorizzare e memorizzare quanto è stato proposto.Credo,comunque,che se la lavagna digitale,strumento del futuro,prenderà il posto della lavagna tradizionale,non cmbierà il ruolo dell'insegnante,che non potrà mai essere sostituito da alcuna tecnologia in quanto resta e resterà sempre una figura insostituibile nella formazione delle future generazioni.

DATA 04/02/2013 19.21.27 - AUTORE giuseppina

La LIM è uno strumento dalle grandi potenzialità perchè sfrutta un linguaggio visivo e interattivo,vicino a quello degli studenti, abituati a computer, telefonini e lettori Mp3 touch screen.

DATA 04/02/2013 19.30.47 - AUTORE giuseppina

Ritengo che la lavagna interattiva sia un ottimo strumento in grado di stimolare gli alunni, permettendogli di seguire ed approfondire meglio una lezione, cosi da coinvolgerli nel loro processo formativo.

DATA 04/02/2013 19.43.37 - AUTORE Maria

Usare la lim in classe non è semplice, per chi, come me, si trova ancora in una fase inziale; tanti sono i dubbi e le incertezze, ma sapere che tanti colleghi sono entusiasti, mi consola e mi spinge ad intraprendere questa sfida. Certo è che bisogna rimettersi in gioco, rivedere e ristrutturare pratiche consolidate da anni di esperienza,reinventare una didattica nuova più stimolante,coinvolgente e collaborativa.

DATA 05/02/2013 15.19.07 - AUTORE Cirino Costanzo

Un pensiero sulla LIM e sulle nuove tecnologie nella scuola dell’obbligo. Se è indubbio che l’utilizzo della LIM e delle nuove tecnologie digitali possono permettere nella conduzione didattica un mondo di nuove ed efficaci opzioni come scrivere, disegnare e stampare quanto visualizzato; salvare nella memoria del computer tutti gli interventi del docente ma anche e, soprattutto, quelli degli alunni che diventano soggetti protagonisti dell’azione didattica. Da addetto ai lavori e con un’età tale da essere pragmatico e realista mi domando se con l’attuale organizzazione amministrativa ed economica dei nostri istituti comprensivi riusciremo a dotarci di tali sussidi e di mantenerli in piena efficienza quando troppo spesso non riusciamo, a causa della vulnerabilità, dei nostri edifici scolastici a mantenere una semplice aula informatica e a gestirla in modo sufficientemente adeguato a causa delle poche risorse economiche destinate alla manutenzione. Costanzo Cirino

DATA 05/02/2013 16.41.02 - AUTORE mariangela302f

Nel mio primo intervento avevo spiegato le motivazioni che mi avevano spinto a frequentare il corso di formazione per l' uso della LIM. A conclusione del suddetto corso, ho potuto constatare che sono aumentate le mie conoscenze informatiche e ho valutato positivamente il supporto dato dalla lavagna interattiva alle attività didattiche. Essa consente di accedere ad internet e rendere le lezioni movimentate, vive, accattivanti, così da suscitare l' interesse di tutti i bambini, catturare l'attenzione di quelli che abitualmente tendono a distrarsi e fissare i concetti più importanti attraverso l'uso di immagini e video. Certo, è difficile sostituire di colpo la lavagna tradizionale, anche perché da moltissimi anni ci è stata sempre vicino come valido aiuto e supporto a tutte le nostre lezioni, ma , con il trascorrere del tempo, penso che il passaggio sarà quasi naturale. Personalmente avrei preferito prolungare la durata del corso per favorire una maggiore acquisizione delle competenze legate all'uso della LIM. Ad ogni modo ciascuno dovrà fare tesoro degli insegnamenti ricevuti per metterli in atto nelle proprie classi.

DATA 05/02/2013 16.55.52 - AUTORE marinaf

Condivido pienamente quanto detto sulla necessità per i docenti di formarsi in modo serio ed esaustivo. Non è pensabile infatti dialogare con gli studenti senza tener conto degli strumenti che loro utilizzano normalmente. Tuttavia reputo che le innovazioni tecnologiche debbano essere utilizzate per quello che sono, ovvero strumenti con i quali avvicinare e motivare gli studenti al sapere.

DATA 05/02/2013 17.01.12 - AUTORE marinaf

E' bene che da parte delle scuole si dia sempre più diffusione alle iniziative di formazione, perché solo in questo modo si potranno motivare i docenti, intervenendo sul territorio e attivando reti di scuole, che permettano di progettare eventi di autoformazione per il rilascio delle certificazioni.

DATA 05/02/2013 21.30.56 - AUTORE Marina Ciurcina

Oggi i nostri alunni, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria, sono definiti come “nativi digitali”, cioè nuove generazioni utilizzatrici spontanee di strumenti informatici, giovani che si destreggiano fin da tenera età con strumenti informatici. Pertanto la scuola e gli insegnanti devono necessariamente saper utilizzare le nuove tecnologie nell’insegnamento quotidiano. In considerazione a tale premessa la formazione dei docenti all'uso della LIM e delle ICT nella didattica è fondamentale. Per i docenti, l'introduzione dell’uso della LIM in tutti gli ambiti curricolari è correlata alla dimensione professionale in quanto implica l'adozione di nuovi approcci metodologici (problem solving, cooperative learning, didattica laboratoriale) e la definizione di un diverso ambiente di apprendimento nel quale spendere la propria professionalità. La tecnologia incide infatti sull'organizzazione e la gestione delle attività professionali, è un supporto culturale per reperire materiali utili nella didattica delle discipline e dovrebbe essere finalizzata al miglioramento e alla facilitazione dei processi di apprendimento in ciascun ambito disciplinare.

Importare un database di Excel in Office Access

Come importare dati da Excel in Access

CALCOLAMEDIA

La calcolatrice pensata per gli insegnanti, da utilizzare online o offline

Registro elettronico dei voti

Modello per il monitoraggio disciplinare del profitto

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT