Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: venerdì 19 aprile 2024

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

TABLET e iPAD, uno strumento di lavoro: I pro e i contro.

La Scuola italiana è in continuo cambiamento. Non solo con le installazioni dei computer più attuali, di ultima generazione, installati nei laboratori di informatica, ma anche con le altre attrezzature dislocate in molte “aule per riunioni”, nelle “biblioteche degli Istituti scolastici” o addirittura nelle “aule comuni” in cui sia presente sia pur un accettabile collegamento WI-FI. Gli ultimi nati sono, da una parte le Lavagne Interattive Multimediali, dall’altra gli iPAD e Tablet in generale. Di pari passo, si intensificano sempre più in diverse Scuole della nostra Penisola e nelle Isole, i corsi su questi due attrezzi informatici, sia per gli studenti, sia per i docenti. Anche in questo caso è bene che l’insegnante padroneggi le nuove attrezzature e soprattutto è importante che la formazione, l’aggiornamento e la certificazione finale di un percorso così importante, sia effettuato da un Ente competente, accreditato e qualificato dal MIUR. A scendere in campo e a detenere il primato nel campo dell’Information Technology, con i suoi «Test Center» è appunto l’Assodolab. L’Associazione costituita da insegnanti di laboratorio, vanta oltre tredici anni di attività professionale seria non solo attraverso corsi di formazione e di aggiornamento “in presenza” e “on-line” nel campo informatico ma anche nel settore della certificazione. Allo stato attuale l’Assodolab può rilasciare ben sette certificazioni: LIM CERTIFICATE ® Basic, LIM CERTIFICATE ® Intermediate, LIM CERTIFICATE ® Advanced, SWA CERTIFICATE ® – Siti Web Accessibili, INFORMATION TECHNOLOGY CERTIFICATE ®, SLIDE SHOW CERTIFICATE ®, WEBMASTER CERTIFICATE ® nonché la sua ultima certificazione sui Tablet e iPAD denominata DEVICE TOUCH CERTIFICATE ®. Progettata dal gruppo di lavoro della nostra Associazione e dal sottoscritto che ne assume la responsabilità di “Direttore della certificazione”, la DEVICE TOUCH CERTIFICATE ® farà il suo primo debutto in Sicilia e da lì, si diffonderà nelle altre Regioni italiane. Insomma, i programmi ministeriali, il modo di porgere gli argomenti, le unità didattiche, le lezioni e quant’altro cambierà radicalmente il modo di comunicare. La tecnologia cambierà man mano che gli insegnanti e gli alunni diventeranno sempre più abili nel saper utilizzare e gestire gli strumenti informatici con le nuove tecnologie. Questo percorso certificativo si snoda attraverso tre punti cardini: la risposta a trenta test preparati sull’iPAD; su una tesina sull’utilizzo delle varie applicazioni; su due interventi proprio di questo FORUM TABLET e iPAD ASSODOLAB in cui saranno postati i “pro” e sui “contro” dei TABLET e iPAD. La certificazione è rivolta non solo ai docenti ma anche agli studenti e ai liberi professionisti che utilizzano abitualmente questo “device”. La DEVICE TOUCH CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato dall’Assodolab per la formazione e l'aggiornamento del personale della Scuola sui TABLET e iPAD. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno e/o di conseguire tale certificazione. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la DEVICE TOUCH CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi un buon lavoro con TABLET e iPAD e con l’unica certificazione esistente in Italia in questo settore. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 01/04/2013 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 343

COMMENTI - PAGINA 17

DATA 03/02/2022 15:51:07 - AUTORE Mariosk76

Il tablet è uno strumento molto utile per la didattica. Spesso ne ho fatto uso durante le lezioni, sostituendolo al libro di testo cartaceo, visualizzando appunti o leggendo mappe concettuali da sottoporre agli studenti, mi sono trovato a lavorare con ragazzi in difficolta e ho verificato che l'uso della tecnologia può essere molto importante, in quanto ci consente di utilizzare metodologie innovative che possono stimolare i lavori di gruppo rivelandosi un ottimo supporto all'inclusione scolastica di soggetti con disturbi specifici dell'apprendimento e non solo.

DATA 28/02/2022 09:18:56 - AUTORE Claudia_c351n

Ho acquistato il corso Tablet livello base e come gli altri corsi è costituito da lezioni chiare ed esplicative. Il tablet è un dispositivo che ormai da qualche tempo è entrato nella nostra quotidianità e che quindi, insieme al PC, può costituire un valido Ausilio all'attività didattica in aula. Il tablet è un ibrido tra un computer portatile e un telefono cellulare: consente la possibilità di effettuare chiamate e dispone di tutte le proprietà e le impostazioni di un personal computer, con la possibilità aggiuntiva di installare le applicazioni di uno smartphone. Inoltre, grazie alle sue dimensioni ridotte, è facilmente trasportabile e maneggiabile, per cui adatto all'utilizzo in classe, in particolare per le attività di gruppo e di compartecipazione. Ad oggi, credo sia indispensabile che tutti i docenti siano avvezzi all'uso delle tecnologie moderne ed è pertanto fondamentale il continuo aggiornarsi per stare al passo con le continue evoluzioni in campo tecnologico che, come sappiamo, forniscono un minore impatto sull'ambiente e sull'ecosistema. In molti casi, la tecnologia può ridurre tempi e costi legati alle attività di lettura, scrittura, annotazione, copiatura, dettatura, ecc. Sarebbe interessante acquistare anche gli altri corsi Tablet, nel livello intermedio e avanzato, per riuscire a prendere una totale dimestichezza con lo strumento e poterlo sfruttare nella sua totalità.

DATA 28/02/2022 09:19:49 - AUTORE Claudia_c351n

Grazie al corso Base per apprendere l’uso del Tablet ho consolidato le mie idee sull’importanza delle nuove tecnologie nella didattica in aula. Esse forniscono un valido aiuto a tutte quelle attività pratiche che spesso portano ad una perdita di tempo e di risorse economiche, oltre che ad uno spreco di risorse materiali come carta, acqua, ecc. Esistono molte applicazioni che simulano le attività di disegno e pittura, proponendo tutti gli strumenti necessari per la creazione di opere artistiche in versione “virtuale” e digitale. Confermo che trattasi di strumenti dall’immediato ed intuitivo utilizzo, soprattutto per gli studenti che sono ormai avvezzi all’uso di dispositivi digitali, molto più degli adulti. Queste applicazioni sono una buona fonte per lo stimolo della creatività, proponendo un piano di lavoro vergine su cui lo studente può lavorare a suo piacimento, utilizzando qualsiasi strumento e tecnica pittorica a sua scelta. Ovviamente le risorse digitali non potranno mai compensare l’esperienza pratica della pittura e del disegno con carta, matita e colori che necessita di maggiore dimestichezza e manualità ma che permette di toccare con mano la materia nella sua essenza.

DATA 01/03/2022 12:23:08 - AUTORE Roberto_A883H

Alla canonica scansione generazionale, che vede susseguirsi i veterani, i baby boomer, la generazione X, la generazione Y e i millennials, si è aggiunta, oggi, una nuova categoria: la i-Gen o i-Generation. Questa generazione, collocata trasversalmente ad altre scansioni cronologiche e anagrafiche, è caratterizzata dalla costante iperconnessione dei suoi membri, giovani ragazzi che sono nati o cresciuti tra i supporti informatici e digitali. Appare ovvio, a questo punto, che la didattica frontale, ormai tradizione della scuola italiana, debba modificarsi. A supporto di questo processo arrivano le tecnologie e, in particolare, i dispositivi informatici e digitali, tra cui il tablet, strumento imprescindibile nella didattica e nella didattica speciale del terzo millennio.

DATA 04/03/2022 21:09:09 - AUTORE Roberto_A883H

A conclusione del corso di formazione “Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione: Comunicare ed insegnare con l’uso del TABLET”, mi trovo a ribadire la centralità degli strumenti informatici e digitali, tra i quali entra a pieno titolo il tablet, nella funzione innovatrice della scuola del terzo millennio. Il tablet, e che si avvalga di una connessione alla rete Internet e che lo si utilizzi in modalità off-line, offre un’ampia gamma di potenzialità sia nel lavoro con la classe sia per quanto concerne il lavoro individuale del singolo studente o del singolo docente. Tra l’altro, oggi, gli store online (si pensi al Play Store per i dispositivi dotati di un sistema Android) offrono agli utenti di qualsiasi età, studenti o docenti, numerose applicazioni utili sia per organizzare il lavoro a casa e a scuola, sia per supportare il docente nell’illustrazione dei contenuti disciplinari (basti pensare alle mappe stellari reperibili negli store online, anche gratuitamente) sia nelle funzioni operative alla base di discipline quali l’aritmetica, l’algebra o la geometria.

DATA 31/03/2022 01:02:25 - AUTORE ROBERTA LISO

Se in generale le TIC hanno stravolto le metodologie e la didattica, l'uso del tablet semplifica l'interazione, favorisce l'inclusione e la comunicazione efficace. Resta però, non dimentichiamolo, uno strumento e come tale non agisce per noi....il docente progetta, l'alunno elabora e il tablet realizza in modo accattivante.

DATA 31/03/2022 01:12:54 - AUTORE ROBERTA LISO

L’uso del Tablet fornisce un valido supporto in quelle attività che richiedono immediatezza, resa grafica e risparmio di energie e risorse. Esistono molte applicazioni che simulano le attività di disegno e pittura, intuitive e quindi molto versatili anche in contesti limitati. Gli alunni si entusiasmano e sono felici di poter realizzare prodotti con l'ausilio di tecnologie di questo tipo.

DATA 31/03/2022 15:20:18 - AUTORE patrizia

• I tablet sono generalmente percepiti come strumenti potenti in grado di favorire e migliorare l’apprendimento da parte degli studenti, di favorire la loro creatività e la loro capacità a collaborare. • Studenti e docenti stanno per il momento sperimentando le nuove tecnologie e cercando i modi migliori per un utilizzo efficace in nuovi ambiti di applicazione • Genitori, docenti e studenti ritengono che i tablet abbiano migliorato la comunicazione e la interazione sia a scuola che da casa. L’insegnamento da frontale diventa più virtuale ma anche più produttivo e facile da gestire da parte dell’insegnante. • L’introduzione del tablet a scuola è oggetto di conversazioni con genitori e docenti. Da queste conversazioni si sviluppano nuove idee e proposte per un utilizzo più creativo della tecnologia a scuola • Il tablet offre agli studenti l’opportunità di navigare in rete anche a scuola mettendo a disposizione maggiori informazioni e strumenti di conoscenza. • Il tablet favorisce la motivazione allo studio e all’apprendimento. Lo studio diventa più divertente e ricco di nuovi spunti e opportunità. • Il tablet alleggerisce gli zaini degli studenti riducendo drasticamente il numero di libri cartacei da trasportare e il loro peso. • Il tablet viene usato in modo creativo per scopi molto diversi quali presentazioni, navigazione di internet, disegno, gioco, aritmetico. musicale ecc. • L’interazione è elemento determinante nell’apprendimento. Grazie alla natura trasportabile del tablet gli studenti possono praticare l’interazione anche al di fuori della classe. Questa pratica favorisce lo studio e pratiche virtuose di impegno e apprendimento. • La disponibilità di tablet individuali elimina il bisogno di aule di informatica attrezzate e i costi ( acquisto e gestione) ad esse associati. • Il tablet è strumento potente anche per l’apprendimento di studenti portatori di handicap o meno dotati/motivati. • I molti sperimenti fatti hanno cancellato le preoccupazioni dei genitori relative ad un utilizzo diverso del tablet, tale da ridurre attenzione e dedizione allo studio. • Ad oggi il gap tra contenuti didattici disponibili e numero di APP presenti sugli store è ancora elevato. • Tra le APP preferite dagli studenti ci sono quelle utili a costruire delle presentazioni in modo creativo (Keynote, iMovies, Animations HD, Sketchbook HD). • La scarsità di applicazioni in alcuni ambiti di studio limitano l’uso del tablet e spingono i docenti a preferire approcci e strumenti tradizionali. • Il tablet è entrato rapidamente a scuola anche perché ha incontrato la disponibilità e l’entusiasmo dei docenti che ne hanno subito colto le opportunità e i vantaggi didattici.

DATA 31/03/2022 15:24:03 - AUTORE patrizia

Strumenti digitali: non giocattoli, ma supporti didattici La novità principale si gioca, insomma, sull’uso didattico di queste tecnologie. È per questa ragione, infatti, che la normativa precedente non decade. La circolare 2007 dell’allora ministro Giuseppe Fioroni, che contiene il divieto esplicito di portare gli smartphone in classe, è ancora valida perché si riferisce all’uso improprio dei cellulari, intesi come strumenti di distrazione rispetto alle lezioni e all’attività didattica. Nei dieci punti per l’uso dei dispositivi mobili, invece, gli strumenti digitali sono legati a una finalità didattica, servono ai docenti e agli studenti per approfondire alcuni argomenti di studio e non sono usati per giocare o chattare. «L’uso di queste tecnologie è affidato al controllo dei docenti, esattamente come avviene con il compasso, i libri e tutti gli altri strumenti utilizzati. I dispositivi digitali, insomma, si inseriscono nell’ambito di un’attività pianificata e programmata dall’insegnante», spiega Daniela Di Donato, docente e membro della Commissione ministeriale dedicata al BYOD. «Siamo partiti da una situazione già esistente: gli studenti vanno in rete da soli, hanno le proprie identità digitali, ma spesso non conoscono i rischi legati al Web. La scuola deve intervenire proprio su questo aspetto, collaborando con le famiglie e rispettando ovviamente le scelte dei genitori». La scuola del futuro, digitale e innovativa, punta sugli strumenti tecnologici ma anche e soprattutto sulla disponibilità e sull’impegno dei docenti. «Si sta investendo sulla formazione degli insegnanti», conferma la professoressa Di Donato. «Ormai da anni la scuola italiana sta sperimentando la didattica innovativa. È importante agire gradualmente, preparando le classi ad accogliere le innovazioni consapevolmente. Bisogna fare, cioè, un lavoro pregresso sulle relazioni e sulle connessioni reali tra le persone, creando un clima di fiducia».

DATA 27/04/2022 17:26:50 - AUTORE Caterina

Personalmente credo che l'utilizzo del tablet abbia più aspetti vantaggiosi che svantaggiosi. Innanzitutto, alleggerisce gli zaini degli studenti, dà spunti ed è più stimolante in quanto affine ai dispositivi di tipo ludico con cui i giovani hanno familiarità. L'unico aspetto negativo potrebbe presentarsi se il tablet costituisse l'unico strumento didattico di riferimento.

DATA 27/04/2022 17:35:18 - AUTORE Caterina

Partiamo dal presupposto che i tablet non potranno mai sostituirsi ai libri cartacei, ma possono sicuramente affiancare i classici metodi di studio, arricchendo e innovando i metodi più tradizionali. Uno dei pro più significativi è il fatto che un solo tablet può contenere al suo interno molteplici libri e dispongono di innumerevoli applicazioni utili ai fini didattici. E' uno strumento utilissimo che permette di scrivere, leggere, comunicare, fare ricerche. Ciò che può esser criticato è il frutto che l'abuso di questo dispositivo può provocare: mal di testa, occhi secchi e stanchi, oppure l'estraniamento al mondo circostante. Bisogna quindi trovare il giusto equilibrio affinché se ne possa trarre più benefici possibili.

DATA 27/11/2022 09:47:52 - AUTORE Francesca Gallo

Mi sono rivolta ad Assodolab per seguire il corso Tablet Basic e mi ritengo estremamente soddisfatta della mia decisione. Il corso infatti tratta in modo approfondito sia i componenti del dispositivo sia il suo utilizzo. Ho deciso di approfondire l’utilizzo del tablet perché gli strumenti elettronici e la rete sono una componente ormai dominante delle nostre vite quotidiane e la scuola si deve rapidamente adattare, educando i ragazzi al cambiamento e in tal senso penso che il ruolo dell’insegnante sia cruciale. L’idea dell’ora di informatica fine a se stessa è ormai superata e i dispositivi elettronici devono essere impiegati a supporto della didattica e dell’attività di docenza. Con la possibilità di utilizzare i tablet quotidianamente è possibile impiegare il dispositivo in sinergia con la propria attività di docente, in modo coerente con la disciplina ed i contenuti trattati, aumentando la curiosità e la motivazione dell’alunno. Inoltre attualmente molte documentazioni e comunicazioni condivise con le famiglie (come le pagelle) vengono ormai gestite online. Così anche i rapporti tra gli insegnanti o tra il personale ed il dirigente scolastico, pensiamo alla semplice mail, che ormai è diventato uno strumento di lavoro quotidiano e di comunicazione interdisciplinare. Il tablet ha un grosso potenziale in termini di formazione per i nostri studenti e permette di alleggerire gli zaini dei ragazzi, tematica che sta molto a cuore alla famiglie.

DATA 28/11/2022 08:21:10 - AUTORE Francesca Gallo

Riguardo al tablet, ciò che ha catturato maggiormente la mia attenzione è il fatto che si tratta di un mezzo validissimo per aiutare i ragazzi con disabilità e può essere utilizzato come strumento compensativi per ragazzi con DSA. Come insegnante di sostegno sono molto interessata alle App che possono venire scaricate con facilità sui nostri Tablet o Ipad, permettendo di compensare la difficoltà che incontra un ragazzo con un disturbo specifico di apprendimento. La rete offre molteplici applicazioni che consentono di aiutare il soggetto con disturbi specifici di lettura per esempio le App Seleggo o Leggimi, studiate per la dislessia . Chi ha difficoltà di lettura, attraverso tali App, può compensare le sue difficoltà e concentrasi così sul compito proposto dal docente, ciò facilita l’autonomia e l’autostima e di conseguenza la motivazione (motus) allo studio. In applicazioni come Seleggo o Leggimi i testi scolastici sono disponibili con diversi font e spaziature per agevolare la lettura e possono essere ascoltati grazie alla sintesi vocale, inoltre le parole vengono evidenziate durante la lettura, permettendo ai ragazzi di seguire con maggior facilità.

DATA 03/12/2023 12:16:46 - AUTORE Elisa

L'utilizzo dell’IPad in aula comporta molteplici vantaggi ma anche alcuni svantaggi. Tra i pro bisogna riconoscere che l'Ipad può essere uno strumento più veloce e pratico da utilizzare rispetto alla ricerca manuale su testi nelle ricerche scolastiche. Diversamente da un libro o di un'enciclopedia, l’IPad infatti permette di trovare immediatamente una parola, un concetto o un argomento che si sta affrontando in classe. Questo stimola gli studenti a capire meglio di cosa si sta parlando. Con questo dispositivo, inoltre, gli studenti possono realizzare in completa autonomia delle mappe concettuali ma anche realizzare dei progetti in modo più semplice e veloce rispetto a quello tradizionale. Anche il docente ha i suoi vantaggi nel far utilizzare questo strumento ai propri alunni Può far sviluppare agli studenti dei test e delle prove intercorso sicuramente più stimolanti e innovative.

DATA 04/12/2023 13:35:31 - AUTORE Elisa

E’ stato riscontrato che l'utilizzo dell’IPad a scuola consente di mantenere più alta l'attenzione degli alunni, questo fatto è dovuto alla condizione che i nostri alunni hanno assunto nel tempo come generazione di nativi digitali, che hanno imparato a usare gli apparecchi elettronici sin da piccoli e che ritengono questi ultimi parte integrante della propria vita. Per tale ragione usando l’IPad in classe, lo studente può sentirsi maggiormente coinvolto ed essere spronato a dare il proprio meglio nel percorso didattico. Un ulteriore vantaggio che non può essere sottovalutato consiste senza dubbio nel fatto che l’IPad può racchiudere tutto il materiale didattico necessario agli studenti in un piccolo e leggero dispositivo. È bene poi considerare che utilizzando l'Ipad in aula è possibile anche ridurre sensibilmente la spesa di ogni famiglia per il materiale scolastico. Questo corso è stato indubbiamente interessante in tutte le sue parti, mi ha permesso di conoscere meglio tutte le applicazioni che il dispositivo offre.

DATA 06/12/2023 19:49:00 - AUTORE Elisa

La Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) è un dispositivo che ci permette di scrivere e disegnare usando pennarelli virtuali. E’ collegata ad un personal computer che ci dà la permette di mantenere il classico utilizzo didattico che si concentra sulla lavagna. La LIM in effetti si presenta come una lavagna tradizionale ma con una forte componente tecnologica che è il touch screen. La LIM è dotata di un facile accesso alla rete telematica (Internet)quindi ci dà la possibilità di utilizzare questo strumento utilizzando anche qualsiasi altro software didattico. L’impiego della lavagna luminosa è vantaggioso poiché mantiene costante il controllo dell’attenzione della classe, la continuità dell’apprendimento e le loro eventuali difficoltà.

Creare funzioni personalizzate per Microsoft Excel

Come utilizzare Excel in maniera innovativa e creativa

Realizzare un modello struttura per PowerPoint

Come creare slide dall'aspetto professionale

Come creare icone personalizzate

Creiamo una icona a partire da una foto o da un disegno

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT