Ente accreditato e qualificato che offre formazione - D.M. 177/2000 e Direttiva n. 90 del 01/12/2003.

DATA: lunedì 18 dicembre 2017

Preparati alla prova preselettiva Concorso Docenti su TastoEffeUno.it

Su TastoEffeUno.it sono disponibili i quiz ministeriali, in formato interattivo, per una preparazione seria e mirata al superamento della prova preselettiva Concorso Docenti. Poiché il tempo a disposizione per la preparazione è limitato, i quesiti sono stati organizzati per ognuno dei 70 MODULI e per AREE: a differenza dell'allenatore del MIUR, è possibile quindi esercitarsi solo su alcune AREE escludendo quelle in cui si ha una adeguata preparazione. VAI AL SITO

TABLET e iPAD, uno strumento di lavoro: I pro e i contro.

La Scuola italiana è in continuo cambiamento. Non solo con le installazioni dei computer più attuali, di ultima generazione, installati nei laboratori di informatica, ma anche con le altre attrezzature dislocate in molte “aule per riunioni”, nelle “biblioteche degli Istituti scolastici” o addirittura nelle “aule comuni” in cui sia presente sia pur un accettabile collegamento WI-FI. Gli ultimi nati sono, da una parte le Lavagne Interattive Multimediali, dall’altra gli iPAD e Tablet in generale. Di pari passo, si intensificano sempre più in diverse Scuole della nostra Penisola e nelle Isole, i corsi su questi due attrezzi informatici, sia per gli studenti, sia per i docenti. Anche in questo caso è bene che l’insegnante padroneggi le nuove attrezzature e soprattutto è importante che la formazione, l’aggiornamento e la certificazione finale di un percorso così importante, sia effettuato da un Ente competente, accreditato e qualificato dal MIUR. A scendere in campo e a detenere il primato nel campo dell’Information Technology, con i suoi «Test Center» è appunto l’Assodolab. L’Associazione costituita da insegnanti di laboratorio, vanta oltre tredici anni di attività professionale seria non solo attraverso corsi di formazione e di aggiornamento “in presenza” e “on-line” nel campo informatico ma anche nel settore della certificazione. Allo stato attuale l’Assodolab può rilasciare ben sette certificazioni: LIM CERTIFICATE ® Basic, LIM CERTIFICATE ® Intermediate, LIM CERTIFICATE ® Advanced, SWA CERTIFICATE ® – Siti Web Accessibili, INFORMATION TECHNOLOGY CERTIFICATE ®, SLIDE SHOW CERTIFICATE ®, WEBMASTER CERTIFICATE ® nonché la sua ultima certificazione sui Tablet e iPAD denominata DEVICE TOUCH CERTIFICATE ®. Progettata dal gruppo di lavoro della nostra Associazione e dal sottoscritto che ne assume la responsabilità di “Direttore della certificazione”, la DEVICE TOUCH CERTIFICATE ® farà il suo primo debutto in Sicilia e da lì, si diffonderà nelle altre Regioni italiane. Insomma, i programmi ministeriali, il modo di porgere gli argomenti, le unità didattiche, le lezioni e quant’altro cambierà radicalmente il modo di comunicare. La tecnologia cambierà man mano che gli insegnanti e gli alunni diventeranno sempre più abili nel saper utilizzare e gestire gli strumenti informatici con le nuove tecnologie. Questo percorso certificativo si snoda attraverso tre punti cardini: la risposta a trenta test preparati sull’iPAD; su una tesina sull’utilizzo delle varie applicazioni; su due interventi proprio di questo FORUM TABLET e iPAD ASSODOLAB in cui saranno postati i “pro” e sui “contro” dei TABLET e iPAD. La certificazione è rivolta non solo ai docenti ma anche agli studenti e ai liberi professionisti che utilizzano abitualmente questo “device”. La DEVICE TOUCH CERTIFICATE ® è un marchio registrato, utilizzato dall’Assodolab per la formazione e l'aggiornamento del personale della Scuola sui TABLET e iPAD. Rimane sempre a noi docenti però, la scelta di formarci o meno e/o di conseguire tale certificazione. Ci auguriamo però, che dall'alto del Ministero dell'Istruzione, qualche premio venga dato a quanti frequentano i corsi di formazione e aggiornamento o conseguono la DEVICE TOUCH CERTIFICATE ®. Non mi resta che augurare a tutti voi un buon lavoro con TABLET e iPAD e con l’unica certificazione esistente in Italia in questo settore. [1] [Prof. Agostino Del Buono - Presidente Nazionale Assodolab]

DATA: 01/04/2013 - Autore Prof. Agostino Del Buono - Post 255

COMMENTI - PAGINA 12

DATA 07/05/2017 10:21:57 - AUTORE barbaraz600y

A questo punto giunti credo che sia stato per me davvero prodicuo aver seguito questo corso. Nel contesto in cui operiamo noi docenti ogni giorno, non solo è necessario, ma è un'urgenza conoscere in maniera profonda le svariate potenzialità che i tablet offrono. Anche perché i nostri studenti li usano ormai nella loro quotidianità, dunque sfruttare qualcosa che loro già amamno ovviamente rende ancor più interessante l'apprendimento, la scoperta e facilità in maniera speciale laddove è necessario un supporto maggiore i discenti DSA o con bisogni speciali.

DATA 13/05/2017 15:08:18 - AUTORE Giacomo

Il tablet, se utilizzato bene, rende ancora più efficace l’apprendimento grazie a materiali ed esercizi multimediali interattivi: App da scaricare sui tablet, tutorial on line in grado di guidarti e supportarti durante il percorso formativo, mappe interattive, giochi didattici . Strumento prezioso per un nuovo approccio alla didattica, innovativo, creativo, collaborativo e personalizzato, in grado di aiutare sia i docenti che gli studenti per il ripasso, l’approfondimento, la verifica di quanto studiato.

DATA 16/05/2017 14:56:12 - AUTORE Giacomo

Giacomo - G224H 16 Maggio 2017 IL TABLET è lo strumento che permette ai docenti e agli studenti di abbattere i muri che fino a poco tempo fa separavano la scuola dal mondo reale. Utilizzando questo dispositivo, che ci apre le porte al mondo dell’informazione di ogni genere, riusciamo a capire, rimanendo all'interno della scuola, cosa cambia fuori dall’aula: questioni politiche, economiche e sociali. Inoltre avere un TABLET allena gli studenti a condividere e comunicare le loro esperienze scolastiche sia all’interno della classe che all’interno dell’intero istituto, fino ad arrivare a una comunicazione e a una sperimentazione di nuovi progetti didattici tra più Istituti. La possibilità di comunicare in modo rapido e con più persone contemporaneamente solidifica i rapporti interpersonali, invita gli studenti ad aprirsi e a puntare tutti verso un unico obiettivo: Portare in alto il valore del lavoro di gruppo e non solo ed esclusivamente quello del singolo”. Il tablet rappresenta attualmente la più importante innovazione tecnologica nel mondo della scuola: caratteristica rivoluzionaria è il fatto che annulla qualsiasi complessità di interazione e permette un’assoluta immediatezza nell’utilizzo e nell’accesso ai contenuti.  Numerosi sono i vantaggi: La sua immediatezza lo rende particolarmente adatto come strumento di supporto agli studenti di diverse scuole di ogni ordine e grado. L’introduzione del tablet in classe crea forte motivazione da parte degli studenti. Grazie alla sua leggerezza rende le cartelle degli studenti molto meno pesanti perchè tutti i libri scolastici sono contenuti in esso. Esso offre la possibilità di consultare Internet in qualsiasi momento per cercare spiegazioni, traduzioni, definizioni o fare ricerche, basta avere una connessione. In esso sono contenute delle app adatte per l’apprendimento didattico. Lo scambio di file e informazioni tra studenti e professori è molto rapido.

DATA 18/05/2017 20:06:27 - AUTORE micheleA390R

Il Tablet ad oggi diventa ciò che gli si fa fare; è quindi uno strumento che è quello che si vuole. La sua immediatezza lo rende particolarmente adatto come strumento di supporto agli studenti di diverse scuole di ogni ordine e grado. L’introduzione del tablet in classe crea forte motivazione da parte degli studenti, ritengo che il docente nel suo utilizzo si rapporti con gli studenti con un linguaggio a loro più vicino e che in più in ambito tecnico stimoli ad una gestione come strumento di lavoro e non solo ludica del tablet. Esso offre la possibilità di consultare Internet in qualsiasi momento per cercare spiegazioni, traduzioni, definizioni o fare ricerche, basta avere una connessione. In esso sono contenute delle app adatte per l’apprendimento didattico, spesso gratuite al contrario di programmi tecnici specifici e non sempre così scadenti come la loro diffusione libera potrebbe far pensare. Lo scambio di file e informazioni tra studenti e professori è molto rapido. Di contro prendere appunti sul tablet non è la stessa cosa che farlo sul quaderno: è molto più facile prendere appunti sul quaderno cartaceo ed è molto più veloce ed immediato, sul tablet è forte la tentazione di “snappare” audio/video continuamente. All’interno di esso sono presenti molte app di gioco che distraggono e attirano l’attenzione degli studenti.

DATA 19/05/2017 14:30:46 - AUTORE Giacomo

Autore: Giacomo – G224H 19 Maggio 2017 IL TABLET Se siamo pronti a fare il salto generazionale verso il futuro dell’informatica e se siamo pronti a dimenticare il computer, un ottimo investimento da fare è quello di utilizzare il TABLET nell’ambito didattico. Tutto ciò che già si può fare su iPhone e su iPod Touch, acquista una nuova dimensione una volta che ci si ritrova fra le mani l’ampio schermo del TABLET. Le applicazioni più utilizzate nell'ambito scolastico sono quelle che permettono di svolgere tutte quelle attività che, prima dell’introduzione del TABLET nelle scuole, si realizzavano su materiale cartaceo come prendere appunti, leggere un libro, sottolinearlo, mettere note eccetera. Queste sono alcune app molto utili: GoodReader: è un’app molto utile per leggere documenti in formato pdf e soprattutto per scriverci sopra, sottolineare, evidenziare ecc. Scuolabook: è l’unica app che permette la lettura dei libri di testo, anche in questa si può scrivere, sottolineare, evidenziare, aggiungere note e mettere segnalibri. Noteshelf: è un’app che permette di prendere appunti sia a mano libera con la penna, sia con la tastiera del tablet. Con questa app si possono creare quaderni per ogni materia con fogli bianchi, a righe, a quadretti ecc. Dropbox: è un’app che permette la condivisione di documenti online, soprattutto tra alunni e professori. Si utilizza per documenti in formato pdf su cui si può poi lavorare con GoodReader. SimpleMind: è un’app che permette di creare mappe concettuali e schemi utili per lo studio di qualsiasi materia. AdobeReader: è un’app che permette di leggere documenti in qualsiasi formato. Dizionari e traduttori: sono molto utili per le lingue perché permettono di avere una traduzione o una definizione in modo immediato.

DATA 24/05/2017 20:41:36 - AUTORE Claudia_I754Y

Tra le tecnologie didattiche oggi a disposizione dei nostri studenti vi sono,oltre alla LIM, i Tablet. Questi nuovi apparecchi sono la risposta all’annoso discorso, ormai da tempo in voga, riguardo il lento ma graduale declino della didattica. Se, infatti, il ragazzo è abituato a stare al computer e a confrontarsi con una realtà sempre più lontana dal cartaceo e dal ‘tenere la testa chinata su un libro’, di conseguenza una scuola che utilizza nuovi metodi più adatti alle recenti trasformazioni culturali e tecnologiche sarà in grado di stimolare maggiormente lo studente nello studio. Una scuola, insomma, in grado di parlare ed esprimersi utilizzando lo stesso linguaggio dei suoi alunni. Le tecnologie didattiche nel quotidiano scolastico, se utilizzate in modo mirato e corretto, possono rivelarsi autentiche risorse per la didattica. E' esperienza comune constatare quanto i bambini e i ragazzi siano attratti da questo strumento ed interessati ad usarlo; le sue caratteristiche possono costituire un forte stimolo allo sviluppo delle competenze e la multimedialità incoraggia la motivazione: forme, colori, luci, suoni, movimento, rendono interessanti i programmi e le attività, mentre l'interattività stimola il coinvolgimento.

DATA 25/05/2017 19:35:47 - AUTORE LauraDonadeo

L'utilizzo del tablet, in numerosi casi può essere un enorme aiuto sia al docente, sia agli alunni stessi. La capacità di utilizzare tali dispositivi diventa necessaria soprattutto con l'introduzione del registro elettronico online.

DATA 27/05/2017 17:09:55 - AUTORE LAURAE882N

L'utilizzo dei mezzi tecnologici in aula, quali tablet o lavagne multimediali, ha rivoluzionato in buona parte il sistema scolastico. Partendo dal fatto che il tablet, a differenza di un computer, può essere utilizzato molto più comodamente e in qualsiasi momento si voglia. Fra le utilità del tablet, possiamo individuare il fatto che è possibile utilizzarlo per delle veloci ricerche o approfondimenti all'interno della classe, coinvolgendo i ragazzi. In tal caso gli alunni sarebbero molto più entusiasti di partecipare essendo che è un metodo diverso di fare lezione e sicuramente molto più coinvolgente. Tra i vantaggi, si può citare il fatto che è molto pratico da trasportare, soprattutto se si hanno dei libri molto pesanti che possono essere letti in forma digitale. Insomma, l'introduzione di questi tablet innovativi può davvero essere una comodità da non sottovalutare.

DATA 27/05/2017 17:12:59 - AUTORE LAURAE882N

La necessità di dover utilizzare il tablet in aula si fa imminente soprattutto dopo l'introduzione del registro elettronico. In tal modo, il docente non è obbligato a portare un computer in aula (più scomodo e pesante da trasportare) e può compilare il registro al durante la lezione, senza dover riportare tutto in un secondo momento.

DATA 28/05/2017 00:35:33 - AUTORE daniela

Vediamo quali sono i vantaggi che Tablet e iPAD possono offrirci.Essendo essi di modeste dimensioni possono essere tenuti sempre a portata di mano in casa,in ufficio e in viaggio.Lo schermo touch è ideale per navigare in Internet,leggere e-books,guardare foto e video.Per quanto riguarda la qualità dell'immagine,i modelli più recenti offrono schermi che si contraddistinguono per la loro eccezionale nitidezza .Essi sono perfetti per visualizzare fotografie anche ad alta risoluzione.Malgrado le dimensioni ridotte, Tablet e iPAD possiedono una buona autonomia in quanto dotati di batterie molto efficienti.Essi sono la migliore soluzione tecnologica per lavorare là dove un personal computer tradizionale non potrebbe essere utilizzato.Inoltre i Tablet e gli iPAD sono ricchi di soluzioni e applicazioni per la ricerca di contenuti ,dati e informazioni.La loro introduzione crea forte motivazione e sviluppa la capacità di interagire attraverso mezzi di comunicazione innovativi con l'obiettivo di formare e sviluppare nuove competenze e conoscenze.Ma ci sono altri vantaggi e tra questi quello che Tablet e iPAD mettono a disposizione possibilità multimediali che i libri non potrebbero offrire.L'utilizzo di tali dispositivi permette inoltre agli studenti di condividere e comunicare le loro esperienze scolastiche sia all'interno della classe che all'interno dell'istituto fino ad arrivare alla sperimentazione di nuovi progetti didattici tra più istituti.

DATA 28/05/2017 11:20:48 - AUTORE Claudia_I754Y

Molteplici sono le utilità dei Tablet, vantaggiosi per gli studenti ma anche per i genitori. Tramite applicazioni dedicate è infatti possibile leggere documenti o direttamente i libri di testo, scrivendoci sopra o evidenziando ciò che si vuole; ulteriore vantaggio sono gli zaini meno pesanti per i nostri “nativi digitali”, in più evitando alle famiglie il puntuale collasso di settembre causato dal caro-libri. Nel frattempo però,mentre la Rete in diversi blog celebra l'addio ai libri di testo, non manca in questa fase chi dice sì a internet senza però mandare in soffitta le pagine di carta stampata. Anche questa è una piccola rivoluzione: non si tratta più del libro scolastico, ma del libro di lettura, uno strumento indispensabile in quella biblioteca personale che esperti e osservatori invitano a tenere ancora in piedi accanto al tablet e al computer. Tablet che, sicuramente coinvolge lo studente a 360 gradi, ma che non può completamente sostituirsi al classico quaderno cartaceo.

DATA 28/05/2017 21:47:23 - AUTORE daniela

Questo mio secondo intervento in questo forum riguarderà gli svantaggi di Tablet e iPAD. Secondo alcune opinioni l'introduzione di questi strumenti tecnologici crea dispersione e non facilita l'apprendimento.Il "multitasking"cioè l'utilizzo di più "finestre" aperte su tablet e iPAD pare sia diventato una realtà.Bisogna sapere che il nostro cervello è in grado di fare solo una cosa alla volta in maniera cosciente e passare con frequenza da un argomento (task) all'altro può ridurre l'apprendimento e la concentrazione.Le nuove tecnologie inoltre ci hanno trasformati in lettori digitali.Ma un lettore digitale non ha una visione globale del libro.Fa scorrere le pagine in maniera meccanica,non può sottolineare,prendere nota,piegare gli angoli del libro.E dov'è finito il piacere della scrittura sul cartaceo?Oggi sempre più spesso Tablet e iPad sono associati ad un momento di gioco e di svago e distolgono gli studenti dal lavoro che dovrebbero svolgere quotidianamente. Questi dispositivi possono creare dipendenza e di conseguenza disturbi dell' attenzione,difficoltà scolastiche e soprattutto isolamento.Quest' ultimo in modo particolare è causa di problemi nei rapporti interpersonali. Tali dispositivi,, grazie alla loro immediatezza tendono a dare con un solo click soluzioni già pronte e questo fa sì che si perda la capacità dell'immaginazione. Studiosi parlano proprio della perdita della fantasia.A causa della retroilluminazione l'uso eccessivo di Tablet e iPad può comportare la perdita parziale della vista ed emicrania.Ultimo svantaggio è il loro costo ancora troppo alto e non accessibile a tutti.

DATA 05/06/2017 15:46:23 - AUTORE micheleA390R

Le nuove tecnologie creano dispersione e portate all’estremo forse non facilitano l’apprendimento, ragione per cui invece sono nate. I ragazzi nativi digitali sono già capaci di fare multitasking. Il nostro cervello è in grado di fare solo una cosa alla volta in maniera cosciente e fruttuosa, passare con frequenza da un argomento all’altro è molto costoso in termini di minore apprendimento. Il valore aggiunto della scuola è di insegnare a formarsi e a migliorare un nostro modo di lavorare, di focalizzare l’attenzione sulle cose che contano e di rendere utile le nozioni che abbiamo appreso, in questo la scuola potrebbe fare molto di più. A dover essere valorizzati sono gli insegnanti, non le tecnologie. Giusto investire i soldi nei tablet almeno quanto per valorizzare e migliorare la professionalità del corpo docente. E poi c’è un settore essenziale che è quello della lettura, perché è essenziale che la scuola insegni a comprendere e a elaborare testi complessi, non quelli di pochi caratteri dei tweet o delle poche righe delle notizie su internet. E’ necessario creare nei giovani la capacità di lettura approfondita, altrimenti la gran parte del nostro futuro corpo elettorale resterà nell’incapacità di formarsi un’opinione consapevole e autonoma recuperare l’aristocrazia della lettura come anticamera e del creare sulla base delle cose che si è appreso.

DATA 07/06/2017 12:16:46 - AUTORE laura_A662A

La tecnologia ha radicalmente cambiato il nostro modo di vivere e, soprattutto, condiziona sempre di più l’approccio dei ragazzi alla realtà circostante. L’introduzione di materiali elettronici, quale il tablet, a supporto della didattica ha il vantaggio di avvicinare il mondo degli insegnanti a quello degli alunni, completamente immersi nella tecnologia: si tratta di imparare a “parlare la loro lingua”. Escludere i supporti tecnologici dal mondo della scuola crea una pericolosa cesura tra il “vecchio” e il “nuovo”. Si rischia così di ignorare un elemento fondamentale: insegnare con i tablet significa aiutare gli studenti a fare buon uso della tecnologia, a sapersene servire non solo per svago ma per potenziare l’apprendimento, attraverso la visione reiterata di unità didattiche interattive e grazie a giochi e attività che possano stimolare la partecipazione attiva dei ragazzi, in aula e a casa.

DATA 09/06/2017 08:58:10 - AUTORE laura_A662A

Digitalizzazione e tecnologia costituiscono un’ evoluzione sociale a cui è impossibile (e controproducente) opporsi. Le relazioni interpersonali e la conoscenza delle cose sono ormai filtrate dai dispositivi elettronici di cui tutti, oramai, facciamo uso. L’inserimento della tecnologia e l’uso del tablet nel sistema scolastico offrono indiscutibili vantaggi, ma il loro abuso rischia di svilire un concetto che è fondamentale apprendere durante la crescita individuale: il valore della fatica. Cercare i significati di un termine sul tablet piuttosto che su un vocabolario riduce sì i tempi, ma indebolisce anche la capacità dei ragazzi di orientarsi in un testo scritto, di trovare la parola che cercano tra tante altre, di comprendere il significato più calzante tra i molti indicati. L’apprendimento può servirsi dei tablet ma non deve diventarne schiavo: è fondamentale rafforzare il rapporto diretto tra studente e alunno e tra studente e studente e, soprattutto, la capacità di studiare un testo leggendone le pagine, non sempre e solo con l’ausilio di schemi e attività che rendano lo studio divertente e veloce.

DATA 12/06/2017 01:57:02 - AUTORE Federica_A662K

L'uso del Tablet in classe è sicuramente positivo. Favorisce l'interazione tra docenti e alunni e incrementa l'attenzione e la motivazione di questi ultimi. Tutto ciò deriva dal fatto che si adoperano strumenti che i giovani d'oggi utilizzano quotidianamente per comunicare.

DATA 12/06/2017 02:04:48 - AUTORE Federica_A662K

Per quel riguarda i Contro: è necessario che non si ecceda con l'uso dei dispositivi tecnologici, quali il Tablet, in quanto ciò potrebbe comportare disturbi fisici, tra cui stanchezza e bruciore oculare. Inoltre l'uso di tali dispositivi risulta ancora troppo dispendioso.

DATA 12/06/2017 19:01:18 - AUTORE Monicaf376q

Il tablet è quello strumento che permette agli studenti di abbattere i muri che fino a poco tempo fa separavano la scuola dal mondo reale. Altro punto a favore del tablet a scuola è l’accesso alle informazioni: da un lato offre un’estrema rapidità di ricerca, rispetto a enciclopedie o dizionari cartacei, dall’altro è una fonte illimitata di fonti, idee e spunti su qualsiasi argomento. Infine l’interazione: grazie al tablet è facilitato lo scambio di informazioni tra docente e studenti e tra gli studenti stessi, moltiplicando le possibilità di condivisione durante e oltre l’orario scolastico. L’uso delle tecnologie a scuola non vede concordi tutti gli esperti. Secondo un recente studio l’uso del tablet rallenterebbe le capacità di scrittura. Il correttore automatico, ad esempio, disponibile di default su quasi tutti i tablet, ridurrebbe la consapevolezza ortografica. Diminuirebbe anche la memoria e l’attitudine al ragionamento. Un altro aspetto negativo del tablet sta nella sua conformazione: come tutti i dispositivi dotati di schermo elettronico, fruito per molte ore rischia di affaticare gli occhi. Poi, soprattutto, c’è l’aspetto della sicurezza: il tablet a scuola dà potenzialmente accesso a qualsiasi sito, diventando una facile fonte di distrazione e pericolo, specialmente per i più piccoli. Inoltre ogni dispositivo contiene informazioni personali dello studente che, se non adeguatamente protette, sono a rischio in caso di furti o attacchi informatici. Tuttavia un approccio preventivo alla questione della sicurezza permette di eliminare questo tipo di problemi, aumentando i punti a favore del tablet.

DATA 12/06/2017 22:03:39 - AUTORE Sergio_G273L

Il cambiamento sociale e tecnologico ha origine molti anni fa e ha portato alla convergenza di diverse tecnologie digitali come i nuovi media, i dispositivi mobili, la rete e le sue interconnessioni, le intelligenze artificiali e tanto altro ancora. Questa confluenza ha rivoluzionato la vita personale così come quella professionale e educativa delle persone, siano esse giovani o meno giovani. Chi oggi usa le nuove tecnologie sta sperimentando un altro tipo di esperienza, ovvero sta mettendo in pratica la convergenza tra informazioni, conoscenza, creatività e immaginazione. Per quanto riguarda il mondo della scuola questo cambiamento sta rivoluzionando l'esperienza didattica e scolastica degli studenti e di chi vi lavora, facendo emergere scenari inediti, molto più complessi di quelli del passato, nei quali l'importanza della tecnologia è fuori discussione ma forse lo è ancora di più quella dei nuovi modelli e delle nuove forme di insegnamento. Non tutti sono pronti al nuovo che avanza. Non tutti hanno l’abilità e la flessibilità necessarie al cambiamento, utili a prepararsi al futuro ormai alle porte. Molti sono infatti influenzati e limitati dalle loro conoscenze, dal loro bagaglio culturale e professionale e si trovano in serie difficoltà quando si tratta di fare scelte che possano dare una risposta ai bisogni emergenti della società e dei ragazzi. Pochi hanno familiarità con le nuove tecnologie come ad esempio i vari dispositivi mobili e il mondo eterogeneo delle app. In questo scenario assolutamente moderno l’uso dei tablet a scuola ha un ruolo fondamentale e rappresenta per i docenti, ma anche per gli studenti, una vera e propria sfida che pone le basi di una educazione e formazione scolastica del tutto nuove, contribuendo anche a reinventare il loro ruolo nei processi educativi e combinando in modo assolutamente innovativo esperienze e scenari di apprendimento. Modificare ruoli e modelli è possibile, ma non sempre è facile e immediato, e può essere solo apprezzato da chi ha una grande capacità visionaria, creativa e innovativa.

DATA 14/06/2017 17:34:11 - AUTORE Sergio_G273L

Oggi si parla molto di tecnologia a scuola. L’attenzione non dovrebbe andare solo sugli sforzi fatti per portare i tablet a scuola o per dotare le scuole di reti a banda larga. Altrettanto importante è l’opportunità di riflettere sugli effetti e sulla rilevanza che i nuovi dispositivi tecnologici hanno sulla mente degli studenti, sulla loro maturazione e formazione personale. La combinazione (fra computer e cervello) e la nuova era digitale sono ormai dati di fatto. Per comprendere a pieno i cambiamenti in atto bisogna avere uno sguardo verso il futuro ma anche verso il passato. L’analisi del passato serve infatti a capire l’evoluzione del nostro cervello e il percorso compiuto dall’uomo nella comprensione della realtà. Il tablet a scuola oggi è un’oggetto che cattura e seduce l’attenzione ma è anche uno strumento che si presta a una crescente “ibridizzazione” fra cervello umano e tecnologia. Il docente è attratto dalla molteplicità di operazioni rese possibili dallo strumento, lo studente invece viene catturato dalle possibilità ludiche che ne derivano usandolo. E’ assolutamente vano opporre resistenza al cambiamento in atto, perché la tecnologia ha già vinto ed ha contribuito ad una veloce trasformazione, mai sperimentata prima d’oggi nella storia dell’uomo. La vera sfida è quella di dare una direzione sensata a questo processo, senza lasciare che esso ci travolga. Il tablet e le numerose soluzioni operazionali offerte arricchiscono sicuramente l’esperienza dell’uomo e sono utili dispositivi per l'insegnamento e per l'apprendimento. Ma bisogna sempre tenere a mente la diversità tra uomo e artefatto tecnologico. Adottare un tablet a lezione va bene, purchè esso non si sostituisca all’uomo e purchè rimangano chiare le differenze fra lo strumento e le potenzialità infinite (ancora in parte inesplorate) della mente e dell’apprendimento umano.

Importare un database di Excel in Office Access

Come importare dati da Excel in Access

La scrittura stenografica con Word

Una proposta per l'utilizzo del glossario di Word

Giocare con grafici dinamici

Una proposta didattica per abituare gli alunni alla lettura di grafici

Partecipa alla discussione

Per inserire un commento occorre essere registrati.

USER  PASSWORD 

ASSODOLAB - Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Via Cavour, 76 - 71049 TRINITAPOLI BT - Italy

ASSODOLAB.IT